Confartigianato: -60mila imprese da fine 2011, fisco insopportabile

Roma, 11 giu. (LaPresse) - Da novembre 2011 c'è stata la perdita di 60mila imprese, la disoccupazione giovanile è cresciuta di oltre 8 punti, il Pil è calato del 3,4%, la pressione fiscale è aumentata di quasi 2 punti e il credito alle imprese è diminuito di 65 miliardi. E' questo il quadro della crisi dipinto da Giorgio Merletti, presidente di Confartigianato durante il suo intervento nel corso dell'assemblea della confederazione a Roma. Merletti ha inoltre affermato che "sembra si faccia di tutto per spingerci oltre confine per trovare condizioni normali per fare impresa: il fisco italiano tassa il 68,3% degli utili lordi d'impresa, in Svizzera appena il 30,2%".

"Da novembre 2011 - ha proseguito il presidente di Confartigianato - abbiamo avuto 18 mesi di Governo tecnico 'supplente', poi un estenuante stallo alla messicana, uno sterile duello in cui le forze politiche si sono tenute sotto tiro a vicenda, ora serve un cambiamento". Per Merletti è necessario agire sul fronte del fisco, della burocrazia, del credito e del lavoro. Le imprese italiana, denuncia il numero uno di Confartigianato, non riescono più a sopportare una pressione fiscale che nel 2013 toccherà il 44,6% del Pil, ossia 2,4 punti in più sopra la media dell'Eurozona. "In pratica - ha spiegato - paghiamo 38 miliardi di maggiori imposte rispetto ai partner europei, 639 euro in più per abitante. Tra il 2005 e il 2013 l'incremento delle entrate fiscali è stato di 132 miliardi, pari ai 132 miliardi di incremento del Pil". Così - ha ammonito - non si esce dal tunnel della crisi". Merletti ha ricordato che "sprechiamo in burocrazia un sacco di soldi, ben 31 miliardi all'anno".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata