Coldiretti: Boom della spesa dai contadini
Comprano dagli agricoltori 15 milioni di italiani

Roma, 14 mag. (LaPresse) - Negli ultimi cinque anni è triplicato il numero di italiani che fanno la spesa direttamente dal contadino o nei mercati degli agricoltori. Nel 2015, secondo i dati di una indagine Coldiretti/Ixè, sono stati 15 milioni coloro che hanno scelto di acquistare prodotti alimentari praticamente a chilometri zero. "Un exploit - dice l'associazione dei coltivatori diretti - da ricondurre all'attenzione per il benessere, la forma fisica e la salute, oltre che alla sostenibilità ambientale e alla volontà di difendere e valorizzare il proprio territorio. A dimostrarlo è il fatto che il 70% degli italiani è addirittura disposto a pagare di più un alimento del tutto naturale, il 65% per uno che garantisce l'assenza di Ogm, il 62% per un prodotto bio e il 60% per uno senza coloranti".

A conquistare una fetta sempre più consistente di italiani sono anche nuovi prodotti, come gli 'agrigelati, le birre artigianali o i cosiddetti 'agricosmetici' a base di linfa della vite, latte d'asina o bava di lumaca. Torna in auge anche il pane dei contadini, realizzato con grano che rischiava di sparire dai campi.

"Un vero boom - dice Coldiretti - che ha portato ad oltre diecimila punti vendita gestiti direttamente dagli agricoltori tra fattorie e mercati lungo tutta la Penisola grazie alla fondazione Campagna Amica promossa dalla Coldiretti che ha realizzato la piu' vasta e capillare rete di vendita organizzata dagli agricoltori nel mondo che puo' contare su fattorie, botteghe e mercati che coinvolgono 20mila aziende con prodotti coltivati su circa 200mila ettari di terreno".

"Gli effetti - spiega Coldiretti - si fanno sentire anche sugli sprechi che vengono ridotti per la maggiore freschezza della frutta e verdura in vendita che dura anche una settimana in piu', non dovendo rimanere per tanto tempo in viaggio. Oltre a ciò, svolgono una importante azione di recupero di varietà a rischio di estinzione. Si stima che - rileva l'associazione - almeno 100 varietà vegetali definite minori, tra frutta, verdura, legumi, erbe selvatiche e prodotti ottenuti da almeno 30 diverse razze di bovini, maiali, pecore e capre allevati su scala ridotta trovino sbocco nell'attuale rete di mercati e fattorie degli agricoltori".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata