Cipro, Dijsselbloem: Rischio sistemico, inevitabile prelievo forzoso

Bruxelles (Belgio), 21 mar. (LaPresse) - "Nella situazione attuale penso che ci sia certamente un rischio sistemico e penso che le turbolenze sui mercati degli ultimi giorni lo abbiano dimostrato". Lo ha detto il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, intervenendo al Parlamento europeo. "Abbiamo agito - ha aggiunto Dijsselbloem - semplicemente per assicurare l'integrità dell'eurozona e penso che si debba fare immediatamente un passo avanti e dire che misure ci accingiamo ad attuare per affrontare il rischio sistemico". Secondo il rappresentante dei 17 ministri delle Finanze dell'eurozona qualsiasi nuova proposta di Cipro su misure in cambio del prestito di salvataggio dall'eurozona deve includere un prelievo forzoso sui depositi bancari. Dijsselbloem ha affermato che l'imposta una tantum "è inevitabile" per sgonfiare la bolla del sistema finanziario cipriota e ha precisato che l'Eurogruppo pensa che l'onere del prelievo forzoso deve essere spostato interamente sui depositi bancari sopra 100 mila euro. Il ministro olandese ha inoltre spiegato che ora la palla è in mano a Cipro. "E' compito delle autorità cipriote - ha detto ancora - trovare un'alternativa valida" alle misure per il salvataggio bocciate dal suo Parlamento e "l'Eurogruppo è pronto a sostenerle sulla base dell'accordo di programma raggiunto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata