Cina, governo abbassa target su Pil 2015 al +7%

Pechino (Cina), 5 mar. (LaPresse/Xinhua) - L'obiettivo della Cina è di raggiungere una crescita economica di circa il 7 per cento nel 2015. Lo ha riferito il premier cinese, Li Keqiang, all'Assemblea Nazionale del Popolo. il Pil cinese era aumentato del 7,4 per cento nel 2014, mentre 7,5 per cento era l'obiettivo fissato dal governo. Il primo ministro cinese ha inoltre spiegato che l'obiettivo della Cina è di mantenere un'inflazione nell'anno in corso pari a circa il 3 per cento, a fronte del 3,5 per cento registrato nel 2014. Il governo di Pechino punta a creare 10 milioni di posti di lavoro nelle città per garantire che il tasso di disoccupazione urbana non superi il 4,5% nel 2015, secondo un rapporto dell'esecutivo che è stato consegnato al premier nella sessione annuale dell'assemblea cinese. Come misure di stimolo, Li ha spiegato che la Cina investirà inoltre 800 miliardi di yuan, pari a 130 miliardi di dollari, in infrastrutture ferroviare quest'anno e, nel frattempo, altrettanti miliardi di yuan saranno dedicati ai progetti per la salvaguardia dell'acqua.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata