Chrysler: siglato accordo con sindacato Uaw, favorevole 55% lavoratori

Detroit (Michigan, Usa), 26 ott. (LaPresse/AP) - Il sindacato United Auto Workers ha approvato il nuovo contratto quadriennale di lavoro con Chrysler. Solo i lavoratori meno qualificati come elettricisti e installatori di tubazioni hanno votato contro. Nel complesso circa il 55% dei 26mila lavoratori Chrysler ha votato sì, mentre il restante45% ha detto no. L'accordo con Chrysler prevede un premio di 3.500 dollari e la firma di partecipazione agli utili, ma non è ricca come i contratti di Ford e GM. L'approvazione significa che tutte e tre le case automobilistiche di Detroit hanno firmato accordi con il sindacato.

Dopo la firma dell'accordo con Uaw, Chrysler Group conferma che nei prossimi 4 anni investirà altri 1,3 miliardi di dollari con cui riorganizzare e aggiornare gli impianti per la produzione, portando gli investimenti totali negli Stati Uniti a 4,5 miliardi di dollaro. Inoltre, Chrysler Group intende creare fino a 2.100 nuovi posti di lavoro in aggiunta agli oltre 2.500 posti di lavoro già aggiunti in precedenza. Lo comunica la stessa Chrysler in una nota. L'accordo riconosce impiegati orari con un piano di guadagni più semplice e trasparente e un nuovo premio di risultato basato sulla qualità. Il massimo livello di qualità delle auto, il World Class Manufacturing (WCM), viene ribadito, "è la pietra miliare della trasformazione della società, il nuovo accordo premia anche i dipendenti con un bonus annuale a testa se gli obiettivi del Wcm saranno realizzati.

"Nessuno tra quelli che sono stati coinvolti nel processo di contrattazione che ha portato a questo accordo, può dimenticare la nostra esperienza di premorte poco più di due anni fa e la seconda possibilità che abbiamo ricevuto dai contribuenti americani e canadesi. La fiducia che è stata riposta in noi allora è stato pienamente ripagata". L'ha detto Sergio Marchionne, a.d. di Chrysler commentando l'aprovazione dell'accordo con Uaw. "Questo accordo è un vanto per la nostra forza lavoro e la leadership Uaw - aggiunge Marchionne - essa riconosce i contributi significativi che hanno fatto verso il nostro recupero continua. Li premia per il successo attuale e potenziale futuro della società, garantendo nel contempo Gruppo Chrysler sarà in grado di rimanere competitivi ".

"Con questo accordo, abbiamo fatto progressi significativi in tempi di incertezza economica" ha detto il vicepresidente generale dell'Uaw, General Holiefield, dopo l'ok all'accordo con Chrysler. "Siamo stati in grado di fare progressi colmando il divario tra il salario della forza lavoro esistente e quella nuova, restituendo alcuni dei contributi dati dai lavoratori per aiutare l'azienda a sopravvivere, e conquistare nuovi posti di lavoro e gli investimenti in impianti di Uaw".

"Non è tutto quello che i nostri soci meritano, ma abbiamo fatto del nostro meglio in questi tempi incerti e negoziato un accordo che garantisca la competitività di Chrysler in modo che possiamo condividere il suo successo economico una volta che abbia ripreso la stabilità finanziaria. Sono estremamente orgoglioso" ha aggiunto Holyfield. "In meno di tre anni, Chrysler, attraverso la dedizione e il duro lavoro dei suoi rappresentati i lavoratori, è emersa dal fallimento e restituito i prestiti federali primi sei anni. Ora, attraverso questo accordo di contrattazione collettiva, stiamo aggiungendo posti di lavoro e contribuendo a ricostruire America" ha proseguito Holyfield.

"Questo accordo aggiunge 2.100 nuovi posti di lavoro. Insieme a quelli siglati con GM e Ford, sono 20.000 posti di lavoro diretti di produzione nella nostra economia" ha detto il presidente Uaw, Bob King. "Il Centro per la Ricerca Automotive stima come 10 moltiplicatore per altri posti di lavoro creati da un posto di lavoro di produzione di auto, per cui da questi 20.000 posti di lavoro ne derivano 180.000 dell'indotto" ha aggiunto King.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata