Chiusura positiva per Piazza Affari, Ftse Mib +1,32%

Milano, 7 nov. (LaPresse) - Salgono Atene e Milano, cadono le altre Borse europee. A Piazza Affari l'indice Ftse Mib guadagna l'1,32% a 15.548,94 punti e il Ftse All-Share cresce dell'1,1% a 16.381,14 punti. Ad Atene il listino principale Athex20 guadagna invece l'1,71% a 297,79 punti. Sul listino greco l'effetto benefico è portato dall'annuncio dell'uscita di scena del primo ministro, George Papandreou, che lascerà spazio a nuovo Governo transitorio di unità nazionale. Di poco differente il discorso a Milano. Piazza Affari parte malissimo, con ribassi oltre il 2%, poi balza girando in positivo sulle voci delle dimissioni di Silvio Berlusconi da primo ministro. Quando Berlusconi smentisce i guadagni si riducono progressivamente fino alla chiusura.

Oggi è atteso il responso di un Eurogruppo decisivo per stabilire i dettagli del rafforzamento del fondo di salvataggio europeo Efsf. Inotre, l'Italia è ancora al centro dell'attenzione. Il portavoce del commissario agli Affari economici e monetari, Olli Rhen, ha spiegato che l'Ue si attende oggi chiarimenti dal ministro dell'Economia italiano, Giulio Tremonti, sulle misure comunicate nella lettera portata lo scorso 26 ottobre a Bruxelles da Berlusconi. In questo contesto, l'indice Ftse 100 di Londra cede lo 0,3% a 5.510,82 punti, il Dax di Francoforte perde lo 0,63% a 5.928,68 punti e il Cac 40 di Parigi lascia lo 0,64% a 3.103,6 punti. Sui listini pesa anche il calo della produzione industriale in Germania, del 2,7% a settembre.

Nella giornata in cui si sono diffuse le voci di dimissioni del premier, Mediaset chiude poco mosso, in rialzo dello 0,08% a 2,584 euro. Tra gli altri titoli, chiudono in rialzo le grandi banche Intesa Sanpaolo (+2,84% a 1,159 euro) e Unicredit (+1,78% a 0,7915 euro). In calo invece Banca Montepaschi (-4,28% a 0,291 euro). Tra gli altri titoli del listino principale, bene Enel (+0,97%), Eni (+1,67%), FonSai (+3,33%) Ansaldo Sts (+2,91%), Pirelli (+2,18%), Tenaris (+2,47%). Balzo di Mediobanca (+5,36% a 5,705 euro) e della partecipata Generali (+1,54% a 12,54 euro). Calano Luxottica (-0,87%), Saipem (-0,82%), A2A (-0,85%) e Finmeccanica (-0,35%). Positiva invece la galassia Agnelli, con Fiat (+2,9%), Fiat Industrial (+2,15%) e la controllante Exor (+0,91%).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata