Chiusura negativa per Piazza Affari, Ftse Mib -0,31%

Milano, 18 gen. (LaPresse) - Milano chiude debole la giornata, dopo i rialzi dei giorni scorsi. L'indice Ftse Mib cala dello 0,31% a 15.250,45 punti e il Ftse All-Share perde lo 0,35% a 16.104,72 punti. Probabilmente sul moderato calo di Milano pesano anche le prese di profitto. Il Fondo monetario internazionale, che ha contribuito per circa un terzo ai prestiti di salvataggio degli ultimi due anni per i Paesi dell'eurozona, ha intenzione di raccogliere fino a 500 miliardi di dollari per rafforzare le proprie risorse portandole a mille miliardi di dollari. I 200 miliardi promessi dall'Europa fanno parte dei 500 miliardi di dollari che il Fondo spera di raccogliere. Stamane la giornata si è aperta invece con il taglio delle prospettive di crescita globali nel 2012 sia per i Paesi in via di sviluppo, dal 6,2 al 5,4%, sia per quelli sviluppati, dal 2,7% all'1,4%. La revisione più pesante ha riguardato l'eurozona: al -0,3% dall'1,8%. In questo contesto, chiusura mista per le principali Borse europee. L'indice Ftse 100 di Londra sale dello 0,15% a 5.702,37 punti, il Dax di Francoforte avanza dello 0,34% a 6.354,57 punti, mentre il Cac 40 di Parigi mostra un calo dello 0,15% a 3.264,93 punti. A Madrid, l'indice Ibex, perde l'1,34% a 8.420,7 punti.

A Milano il comparto bancario chiude misto. Cedono Banca Montepaschi (-2,79% a 0,2056 euro), Bper (-0,7% a 5,685 euro), Banco Popolare (-0,88% a 0,898 euro), Mediobanca (-1,88% a 4,384 euro), Ubi Banca (-1,32% a 2,99 euro) e Unicredit (-1,19% a 2,976 euro). Salgono invece Popolare di Milano (+4,08% a 0,3211 euro) e Intesa Sanpaolo (+1,27% a 1,281 euro).

Mista la galassia Agnelli, con Fiat (+0,42% a 4,264 euro), Fiat Inustrial (-0,13% a 7,44 euro) e la holding Exor (+0,35% a 16,99 euro). Il Lingotto ha annunciato oggi l'accordo raggiunto tra Fiat e Suzuki sulla fornitura di motori diesel Fiat a Maruti Suzuki (India). Fiat fornirà fino a 100.000 motori 1.3 MultiJet 75 CV SDE all'anno, a partire da gennaio 2012 per un periodo di tre anni. Il motore sarà installato sui veicoli a marchio Suzuki prodotti in India da Maruti Suzuki per il mercato locale.

Eni sale dello 0,12% a 16,69 euro. Il Cane a sei zampe si è aggiudicato una nuova licenza esplorativa nel Mare di Barents, a est del campo di Goliat operato da Eni. La licenza è stata conferita dal ministero del Petrolio e dell'Energia norvegese nell'ambito dell'Awards in Predefined Area 2011 alla joint venture costituita da Eni, operatore con una quota dell'80%, e dalla Petoro con il 20%.

Nel resto del paniere principale, in ribasso Generali (-1,89% a 11,92 euro), dopo il downgrade incassato ieri da Standard & Poor's, da 'AA-' ad 'A+'. Ribassi anche per Telecom Italia (-2,32% a 0,8195 euro), Enel (-1,38% a 3,152 euro), Enel Green Power (-1,26% a 1,565 euro), Atlantia (-2,2% a 11,55 euro). In rialzo invece Lottomatica (+2% a 12,25 euro), Luxottica (+1,37% a 23,71 euro) e Pirelli (+0,5% a 7,05 euro). Vola Stmicroelectronics (+5,48% a 5,585 euro). Fuori dal Mib soffre Unipol (-5,29% a 0,1719 euro), che ha a sua volta incassato nella serata di ieri il taglio di rating di S&P, da 'BBB' a 'BBB-'.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata