Chiusura in rialzo per Piazza Affari, Fste Mib +0,47%

Milano, 14 feb. (LaPresse) - Solo Milano chiude sopra la parità tra le principali Borse europee. Il Ftse Mib sale dello 0,47% a 16.445,91 punti e il Ftse All-Share avanza dello 0,37% a 17.445,17 punti. Le azioni sul rating di 9 Paesi dell'eurozona, tra cui l'Italia, da parte di Moody's non ha spaventato più di tanto i mercati. Per Roma l'agenzia parlava ieri di crescenti di difficoltà nel finanziamento, ma è stata smentita stamane dall'asta di Btp a 3, 5 e 10 anni di oggi. Per i 4 miliardi di euro di triennali il rendimento è crollato addirittura al 3,41%, rispetto al 4,82% dell'ultima asta. Anche lo spread con i Bund tedeschi decennali ha tenuto, mantenendosi sui livelli precedenti al downgrade di Moody's. A far virare i listini europei in negativo, dopo gli effetti benefici del milgioramento dell'indice tedesco Zew sugli investimenti, sono stati i dati macro provenienti dagli Usa, con le vendite al dettaglio cresciute dello 0,4% a gennaio, ma al di sotto delle attese. C'è inoltre attesa per l'Eurogruppo di domani che avrà come oggetto il piano di salvataggio della Grecia. In questo contesto, chiusura in leggero calo per le principali Borse europee, con l'indice Ftse 100 di Londra che lascia lo 0,1% a 5.899,87 punti, il Dax di Francoforte che cede lo 0,15% a 6.728,19 punti e il Cac 40 di Parigi che mostra un ribasso dello 0,26% a 3.375,64 punti. A Madrid, l'indice Ibex lascia lo 0,19% a 8.771,9 punti, mentre ad Atene l'indice generale cade dell'1,95% a 818,1 punti.

A Milano, miste le banche. Cadono Intesa Sanpaolo (-0,54% a 1,483 euro), Popolare di Milano (-3,03% a 0,441 euro), Banca Montepaschi (-1,93% a 0,3043 euro), Mediobanca (-1,26% a 4,71 euro), Bper (-0,32% a 6,14 euro) e Ubi Banca (-0,7% a 3,706 euro). Salgono invece Banco Popolare (+1,16% a 1,393 euro) e Unicredit (+0,2% a 4,072 euro). Il presidente di Piazza Cordusio, Dieter Rampl, ha detto che "si sa" che Diego Della Valle e Francesco Gaetano Caltagirone "sono azionisti ma non sappiamo quanto abbiano acquistato" con l'aumento di capitale.

Agli estremi del paniere principale ci sono in positivo Parmalat (+6,34% a 1,695 euro) e in negativo Lottomatica (-5,83% a 12,93 euro). Tra gli industriali bene Fiat (+0,92%) e Pirelli (+0,13%). Cede Telecom Italia (-1,29%). Dopo i conti del preconsuntivo di esercizio, sale Snam (+1,7% a 3,584 euro) nonostante l'utile sia in calo dell'11,6%, appesantito dalla cosiddetta Robin Hood Tax. Fuori dal paniere principale, giornata in altalena per Fondiaria Sai, che chiude infine con un rialzo del 2,55% a 1,65 euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata