Chiusura in netto rialzo per Piazza Affari, Ftse Mib +2,45%

Milano, 19 gen. (LaPresse) - Piazza Affari chiude in netto rialzo e maglia rosa d'Europa, trainata dai bancari dopo il successo delle aste di debito di Spagna e Francia. L'indice Ftse Mib sale del 2,45% a 15.651,99 punti e il Ftse All-Share avanza del 2,67% a 16.534,73 punti. Bene anche lo spread tra Btp e Bund a 10 anni, sceso nettamente sotto quota 460 punti. Madrid ha raccolto 6,6 miliardi di euro nell'asta di bond di oggi, molto di più di quanto inizialmente programmato, ovvero una cifra compresa tra 3,5 e 4,5 miliardi. L'interesse di bond a dieci anni è sceso al 5,4%, rispetto al 5,54% dell'ultima asta simile a dicembre. Parigi ha collocato con successo complessivi 9,5 miliardi di euro in obbligazioni nella prima asta di debito a lungo termine dal taglio delle tripla A da parte di Standard & Poor's. Inoltre il numero delle richieste per i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti è calato la settimana scorsa a 352mila, il livello più basso da aprile 2008. In questo contesto, chiusura positiva per le principali Borse europee. L'indice Ftse 100 di Londra sale dello 0,68% a 5.741,15 punti, il Dax di Francoforte avanza dello 0,97% a 6.416,26 punti e il Cac 40 di Parigi che mostra un incremento dell'1,96% a 3.328,94 punti. A Madrid, l'indice Ibex cresce del 2,17% a 8.603,8 punti.

A Milano brilla Unicredit, che balza del 12,9% a 3,36 euro. L'amministratore delegato, Federico Ghizzoni, ha detto ieri che le Fondazioni rimarranno "strategiche" nella Piazza Cordusio post aumento. Continua anche il rally della Popolare di Milano (+17,63% a 0,377 euro), dopo la nomina nei giorni scorsi a consigliere delegato di Piero Montani, gradito anche a Bankitalia. Salgono anche Banco Popolare (+13,81% a 1,022 euro), Mediobanca (+9,4% a 4,796 euro), Intesa Sanpaolo (+6,17% a 1,36 euro) e Ubi Banca (+6,22% a 3,176 euro). Un po' più indietro Banca Montepaschi (+3,5% a 0,2128 euro).

In luce la galassia Agnelli, con Fiat (+2,21% a 4,358 euro), Fiat Industrial (+4,97% a 7,81 euro) e la holding Exor (+3% a 17,5 euro). Tra gli industriali sopra la parità anche Finmeccanica (+0,53%) e Pirelli (+0,21%). In cauto rialzo Impregilo (+0,55% a 2,542 euro), che ha annunciato EcoRodovias, operatore autostradale e della logistica del Brasile di cui Impregilo International Infrastructures esercita il co-controllo, si è aggiudicata la gara per una concessione autostradale della durata di 25 anni in Brasile.

Maglia nera del paniere principale è Snam (-2,19% a 3,31 euro). La società soffre l'ipotesi nella bozza del decreto del governo sulle liberalizzazioni, che dovrebbe dettare i tempi per una separazione da Eni (+3,06% a 17,2 euro) a nei prossimi mesi. Acquisti invece su Mediaset (+3,18% a 2,204 euro), dopo l'annuncio da parte della casa di produzione televisiva Endemol di un accordo raggiunto sulla ristrutturazione del debito con più di due terzi dei creditori.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata