Chiusura in leggero calo per Piazza Affari, Ftse Mib -0,38%

Milano, 16 dic. (LaPresse) - Seduta nervosa per Piazza Affari, che chiude debole dopo una giornata vicina alla parità. L'indice Ftse Mib lascia lo 0,38% a 14.572,22 punti e il Ftse All-Share perde lo 0,39% a 15.287,91 punti. Lo spread tra Btp e Bund a 10 anni è tornato sopra quota 470 punti base. Ci sono "segnali positivi" nelle trattative con i creditori del settore privato sull'haircut del debito greco, ha detto oggi il ministro delle Finanze greco, Evangelos Venizelos. L'agenzia di rating Fitch ha invece deciso di declassare otto tra le principali banche mondiali, tra cui Bank of America, Barclays, Bnp Paribas, Credit Suisse, Deutsche Bank e Goldman Sachs. Intanto, negli Stati Uniti l'inflazione è rimasta stabile a novembre. In questo contesto, il Ftse 100 di Londra cede lo 0,25% a 5.387,34 punti, il Dax di Francoforte perde lo 0,5% a 5.701,78 punti e il Cac 40 di Parigi mostra un ribasso dello 0,88% a 2.972,3 punti. A Madrid, l'indice Ibex lascia lo 0,57% a 8.203,4 punti.

A Milano chiudono contrastate le banche, con forti vendite su Unicredit (-3,95% a 0,681 euro) e Intesa Sanpaolo (-3,34% a 1,216 euro) e acquisti su Bper (+11,53% a 6,29 euro), Ubi Banca (+7,89% a 3,174 euro), Banco Popolare (+7,74% a 1,016 euro), Banca Montepaschi (+0,5% a 0,259 euro) e Mediobanca (+2,68% a 4,518 euro).

Rimbalza Fondiaria-Sai (+4,17% a 0,75 euro), dopo la caduta libera dei giorni scorsi. Oggi la compagnia assicurativa, su richiesta della Consob, ha spiegato che in merito alle eventuali operazioni di rafforzamento patrimoniale allo studio di Goldman Sachs non c'è nessuna novità da comunicare al mercato. Secondo il Sole 24 Ore il fondo Clessidra starebbe valutando un ingresso nel capitale della compagnia assicuratriva. Da lunedì FonSai sarà fuori dalle blue chip.

In rialzo Saipem, dell'1,09% a 31,55 euro. La controllata del Cane a sei zampe si è aggiudicata nuovi contratti E&C offshore in Sud America, per un valore di circa 600 milioni di dollari.

Nel listino principale, scendono Azimut (-4,91%), Fiat (-2,55%), Eni (-2,64%). In ribasso anche Pirelli (-4,25% a 6,3 euro); oggi Enrico Tommaso Cucchiani ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di consigliere di amministrazione della società a seguito della sua nomina alla carica di amministratore delegato di Intesa Sanpaolo. Salgono invece Mediolanum (+6,43%), Mediaset (+5,15%) e Fiat Industrial (+4,13%).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata