Carige, Fondazione cede a Malacalza 10,5% sue quote in Banca

Genova, 1 mar. (LaPresse) - La Fondazione Carige e Malacalza Investimenti hanno sottoscritto oggi un contratto preliminare per la cessione di una quota della partecipazione di Fondazione in Banca Carige pari al 10,5% del capitale sociale a favore di Malacalza Investimenti srl, società interamente posseduta dalla famiglia Malacalza. Il prezzo di vendita è di 66.190.771,022 (pari a 0,062 euro per azione) e non è oggetto a revisioni o aggiustamenti.

L'efficacia del contratto - si legge in una nota congiunta - è subordinata all'ottenimento, entro il 5 maggio 2015, delle autorizzazioni rispettivamente da parte dell'Autorità di vigilanza sulle fondazioni di origine bancaria (Mef) e da parte di Banca d'Italia in ottemperanza alla normativa vigente. L'operazione, in considerazione dell'iter autorizzativo si prevede possa giungere a perfezionamento all'inizio del prossimo trimestre.

"Nel contesto della cessione - spiegano Malacalza Investimenti e Fondazione Carige - anche al fine di contribuire alla stabilità dell'assetto societario della Banca e di preservare il significativo legame storico con il territorio di riferimento, la Fondazione e Malacalza Investimenti si sono impegnate a sottoscrivere - contestualmente al trasferimento della suddetta partecipazione - un patto parasociale che attribuisce alla Fondazione il diritto di designare un amministratore nell'ambito della lista di candidati che potrà essere presentata da Malacalza Investimenti a norma del vigente statuto di Banca Carige nonché l'impegno delle parti a consultarsi preventivamente su decisioni dell'Assemblea dei soci o del Consiglio di amministrazione della Banca di rilevanza strategica".

Resta nella disponibilità della Fondazione una residua partecipazione azionaria pari a circa il 4,8% dell'attuale capitale sociale della Banca.

"Con l'accordo raggiunto con la famiglia Malacalza - afferma Paolo Momigliano, presidente della Fondazione Carige, la Fondazione, oltre a completare il percorso del proprio risanamento finanziario avviato lo scorso anno, assicura - in un'ottica di partnership - l'ingresso nella compagne azionaria della Banca Carige di un investitore solido, con ottica di lungo termine e con sensibilità al legame con il territorio".

"I miei figli, Davide e Mattia, e io - afferma Vittorio Malacalza, presidente di Malacalza Investimenti - siamo stati contattati da Fondazione Carige per valutare il potenziale ingresso nel capitale di Banca Carige. Dopo attente valutazioni, abbiamo ritenuto che in questa fase della vita dell'Istituto e della Fondazione non potesse mancare l'impegno di una realtà imprenditoriale genovese che crede nelle prospettive di sviluppo dell'economia locale e italiana".

"Pur consapevoli delle incertezze dello scenario economico - aggiunge Vittorio Malacalza - abbiamo deciso quindi di investire per supportare Banca Carige mettendo a disposizione, oltre ai capitali, il nostro patrimonio di conoscenza imprenditoriale, con l'obiettivo di rafforzare il ruolo tradizionale della banca a supporto dello sviluppo economico del territorio di riferimento".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata