Carburanti, Codacons: Abbassare accise per rilancio economia
I consumatori denunciano che il prezzo della benzina continua a salire nonostante il petrolio sia crollato a 31 dollari al barile

La caduta libera dei prezzi del petrolio porta con sé nuovi ribassi dei prezzi dei carburanti, con le quotazioni medie della benzina scese sotto gli 1,43 euro al litro, ma per le associazioni dei consumatori il prezzo della verde resta ancora troppo alto. Eni, Q8/Shell e Tamoil hanno tagliato di un centesimo i prezzi di benzina e diesel mentre Esso è intervenuta solo sul gasolio con una riduzione di 2 centesimi. La benzina self service si attesta a 1,429 euro/litro, il diesel a 1,236 euro. I consumatori però denunciano che il prezzo della benzina continua a salire nonostante il petrolio sia crollato a 31 dollari al barile e ai minimi dal 2009, quando la verde costava infatti 1,13 euro al litro.

 

Per il Presidente del Codacons, Marco Maria Donzelli, "la nostra proposta per rilanciare i consumi e la competitività a causa dell'alto costo del lavoro e dell'uso delle materie prime, tra cui al primo posto la benzina e i derivati è quella di alleggerire il costo a bilancio delle tasse sulla benzina".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata