Camusso (Cgil): Governo vada a casa, politica riparta dal lavoro

Roma, 9 nov. (LaPresse) - Il governo Berlusconi "se ne deve andare a casa". Lo ha affermato il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, intervistata da RadioArticolo1 all'indomani del voto alla Camera sul rendiconto di bilancio, con 308 voti favorevoli, 320 non votanti e un astenuto. Nella manifestazione nazionale del 3 dicembre indetta dal sindacato di corso d'Italia, spiega la Camusso, "il messaggio sarà quello che questo governo fa male al Paese, e che quindi deve andare a casa". Se invece ci sarà un altro esecutivo, prosegue la leader della Cgil,"rivendicheremo una politica strettamente legata al lavoro". In caso di elezioni, conclude la Camusso, "diremo a tutti quelli che si candidano che il loro programma deve ripartire dal lavoro".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata