Borse europee piatte, riflettori puntati sulle elezioni in Gran Bretagna
(Finanza.com) I listini europei chiudono in sostanziale parità una seduta caratterizzata dalla volatilità. Il nervosismo degli operatori è particolarmente evidente nel comparto obbligazionario: il decennale tedesco si è portato a ridosso dello 0,8%, quello italiano è tornato a spingersi sopra i due punti percentuali e il titolo francese ha superato la soglia dell'1%. Segno più per Dax e Ibex, saliti rispettivamente dello 0,51 e dello 0,15 per cento a 11.407,97 e 11.180,30 punti mentre il listino parigino è sceso dello 0,29% a 4.967,22. Rosso anche per una Londra (-0,67% a 6.886,95) in attesa dell'esito delle elezioni. A far paura è l'incertezza che circonda i risultati della consultazione e la probabile affermazione delle forze anti-europeiste. A livello di singole performance segnaliamo il +3,41% di Commerzbank che ha visto l'utile operativo più che raddoppiare e il -1,54% di Siemens che ha registrato un calo dell'utile del 5%.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata