Borsa, Piazza Affari centra il rimbalzo, Mediaset maglia rosa
Positiva anche Wall Street che sta sfruttando la decisa salita del petrolio

Dopo due sedute consecutive di ribassi, Piazza Affari ha centrato il rimbalzo aumentando i guadagni sul finale di una seduta caratterizzata da volumi molto sottili. Positiva anche Wall Street, che sta sfruttando la decisa salita del petrolio, con il Wti tornato in area 48 dollari al barile e il Brent sopra 50 dollari. A sostenere il rimbalzo dei listini azionari ci ha pensato il leading indicator Usa, che a luglio ha battuto le attese mostrando una crescita dello 0,4%. Senza contare le minute della Bce, da cui è emerso che le conseguenze della Brexit sono state meno marcate del previsto. Ieri sera invece i verbali dell'ultima riunione della Federal Reserve hanno evidenziato un Fomc diviso sulla tempistica del prossimo rialzo dei tassi d'interesse. In questo quadro, a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha chiuso con un progresso dello 0,88% a 16.673 punti.

Mediaset (+4,94% a 2,80 euro) regina del Ftse Mib in scia alle indiscrezioni de Il Sole 24 Ore su una nuova offerta che Vivendi starebbe preparando per Premium, dopo il clamoroso dietrofront dello scorso 25 luglio. Il colosso francese dei media starebbe infatti studiando una nuova offerta insieme ai suoi advisor da presentare alla famiglia Berlusconi tra fine agosto ed inizio settembre. Qualcosa potrebbe trapelare giovedì 25 agosto quando si riunirà il dda di Vivendi per approvare i conti del primo semestre. Tra le blue chip performance toniche per Cnh Industrial (+2,66% a 6,76 euro) in attesa dei conti della rivale Deere e per Prysmian (+2,73% a 21,86 euro). Bene anche Luxottica (+2,18% a 43,58 euro,) nonostante diversi retailer americani abbiano rilasciato nei giorni scorsi messaggi prudenti sullo stato dei consumatori. In particolare, Target ha ridotto la guidance di utile del 6% per l'intero 2016.

Contrastate le banche che nelle ultime due sedute sono state la zavorra del listino milanese: Intesa Sanpaolo ha guadagnato lo 0,80% a 1,90 euro e Ubi Banca l'1,42% a 2,29 euro, quest'ultima sfruttando la promozione a "buy" arrivata questa mattina dagli analisti di Banca Imi. Ancora vendite invece su Mps (-2% a 0,235 euro, sui minimi storici), Popolare di Milano (-0,73% a 0,367 euro) e Banco Popolare (-0,18% a 2,18 euro). Giornata positiva anche per Assicurazioni Generali (+0,26% a 11,46 euro), che attende la revisione dei componenti dell'indice EuroStoxx 50, tra i quali è inserita, prevista per la prossima settimana.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata