Borsa, Milano peggiore in Europa: male banche, brillante Ansaldo Sts

Milano, 29 ott. (LaPresse) - Giornata negativa per la Borsa di Milano, con l'indice Ftse Mib che perde l'1,51% a 15.349,12 punti e il Ftse All-Share lascia l'1,45% a 16.263,49 punti. Le parole di Silvio Berlusconi, che sabato ha aperto alla possibilità di una sfiducia al governo Monti, hanno appesantito i listini milanesi e hanno contribuito a far salire lo spread tra Btp e Bund sopra quota 350 punti base. Il premier Mario Monti ha risposto oggi nel corso del bilaterale di Madrid con il suo omologo spagnolo, Mariano Rajoy, che non avverte le parole del fondatore del Pdl e suo predecessore come una minaccia. Milano fa peggio delle sue colleghe europee. L'indice Ftse 100 di Londra perde lo 0,2% a 5.795,1 punti, il Dax di Francoforte cede lo 0,4% a 7.203,16 punti e il Cac 40 di Parigi mostra un calo dello 0,76% a 3.408,89 punti. A Madrid l'indice Ibex lascia lo 0,6% a 7.728,6 punti, mentre ad Atene l'Athex arretra dello 0,76% a 874,54 punti.

Con la pressione che sale sui titoli di Stato italiani, soffre il comparto bancario. Affondano Monte dei Paschi (-4,46% a 0,2185 euro), Bper (-2,51% a 4,588 euro), Popolare di Milano (-2,13% a 0,4448 euro), Banco Popolare (-4,41% a 0,4252 punti), Unicredit (-2,47% a 3,394 euro), Mediobanca (-4,29% a 4,332 euro) e Ubi Banca (-2,83% a 3,026 euro). In rosso anche Intesa Sanpaolo (-2,67% a 1,238 punti), la cui assemblea ha dato il via a modifiche del sistema duale.

Tra gli altri titoli brilla Ansaldo Sts (+2,31% a 6,64 euro), che ha alzato il velo sui conti die primi nove mesi del 2012 che mostrano un utile netto di 45,6 milioni di euro, contro 48,8 milioni del medesimo periodo dell'anno precedente (-6,6%). Tra gli industriali perdono Finmeccanica (-3,85% a 3,796 euro) e Fiat (-0,58% a 4,122 euro) di cui sono attesi i conti del terzo trimestre domani nella tarda mattinata. A mercati chiusi, la controllata Chrysler ha mostrato oggi un balzo dell'utile dell'80%. Fuori dal paniere principale perdono Telecom Italia Media (-2,72%), Cir (-0,49%), Rcs (-0,07%) e Gruppo Editoriale L'Espresso (-1,23%).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata