Borsa, Milano chiude in rosso: deboli banche, corre Finmeccanica

Milano, 23 giu. (LaPresse/Finanza.com) - Piazza Affari ha chiuso in ribasso dopo l'inaspettata frenata della manifattura dell'Eurozona. L'indice Pmi manifatturiero di giugno si è attestato a 51,9 punti dai 53,4 punti del mese precedente, mentre gli analisti avevano previsto 52,2 punti. Discesa anche per il Pmi servizi dell'Eurozona che è passato dai 53,2 punti di maggio ai 52,8 punti nella prima lettura di giugno. Il listino milanese ha pagato anche lo stacco della cedola di alcune utilities, tra cui Enel. Sul fronte europeo da Berlino il portavoce di Angela Merkel ha fatto sapere che per il Cancelliere esiste un margine di flessibilità nell'applicazione del Patto di Stabilità, senza però dimenticare che le regole comunitarie vanno rispettate. Con lo spread in area 160 punti base, a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha chiuso con un ribasso dell'l'1,33% a 21.694,75 punti.

Le vendite hanno colpito il comparto bancario: Popolare dell'Emilia Romagna ha ceduto il 2,54% a 6,505 euro nel primo giorno dell'aumento di capitale da 750 milioni di euro, Banco Popolare il 2,87% a 13,19 euro, Montepaschi l'1,19% a 2,158 euro, Intesa SanPaolo l'1,51% a 2,336 euro, Unicredit l'1,66% a 6,505 euro. Lo stacco cedola ha impattato sulla performance di Enel, che ha perso il 3,38% a 4,286 euro, Terna, che è arretrata del 4,56% a 3,926 euro, e di A2A, che ha lasciato sul parterre il 2,83% a 0,874 euro. Enel ha staccato un dividendo di 0,13 euro, A2A di 0,033 euro e Terna di 0,13 euro.

Finmeccanica (+2,44% a 6,90 euro) ha continuato a correre. Sotto i riflettori, dopo il cda di mercoledì, è tornata la possibile cessione di AnsaldoBreda. Secondo Il Sole 24 Ore, sarebbero quattro i pretendi per la controllata del colosso pubblico: la canadese Bombardier (che resta il candidato principale), la francese Thales e le cinesi China Cnr Corporation e Insigma. Ad attirare i possibili partner la possibilità di integrare nell'operazione anche Ansaldo Sts, il gioiellino controllato al 40% da Finmeccanica. A spingere il titolo anche la promozione di Equita che ha alzato il giudizio su Finmeccanica a buy dal precedente hold. Positiva anche Eni che ha mostrato un progresso dello 0,20% a 19,99 euro. In rosso Mediaset (-2,35% a 3,402 euro) in attesa di conoscere la decisione della Lega Calcio sull'assegnazione dei diritti tv relativi alla Serie A 2015-2018. I diritti interesseranno la trasmissione delle partite sul satellite, sul digitale e sul web. Sull'assegnazione dei diritti della Serie A la tensione è altissima perché Sky ha deciso di entrare in forza nel digitale terrestre. Il colosso del magnate australiano ha presentato l'offerta per i due lotti più pregiati: 355 milioni di euro per il pacchetto A (le 8 migliore squadre sul satellite) e 420 milioni per il pacchetto B (le 8 migliori squadre per il digitale). Mediaset invece dovrebbe aggiudicarsi il pacchetto D, quello per le restanti 12 squadre di serie A, per circa 300 milioni di euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata