Borsa, Milano chiude in rialzo: vola Wdf, giù titoli petrolio

Milano, 29 gen. (LaPresse/Finanza.com) - Piazza Affari ha chiuso in rialzo nonostante la debolezza dei titoli legati al petrolio, che oggi ha aggiornato i minimi degli ultimi sei anni. Come da attese una delle principali major, Royal Dutch Shell, ha deciso di tagliare di 15 miliardi di dollari i suoi investimenti nei prossimi tre anni. Boccata d'ossigeno per la Borsa di Atene che ha rialzato la testa dopo tre sedute di vendite pesanti. Ieri il nuovo Governo guidato da Alexis Tsipras ha annunciato lo stop al piano di privatizzazioni deciso dal vecchio esecutivo guidato da Samaras. Il Tesoro italiano ha collocato tutti i 6,5 miliardi di euro di Btp a 5 e 10 anni con i rendimenti scesi ai minimi storici. In particolare il decennale è stato collocato all'1,62% dal precedente 1,89%. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha chiuso con un rialzo dello 0,56% a 20.593 punti.

World Duty Free è volata in testa al Ftse Mib con un balzo dell'8,97% a 9,59 euro in scia ai rumors riportati da Bloomberg secondo cui il gruppo svizzero Dufry avrebbe intenzione di presentare un'offerta per l'acquisto del retailer aeroportuale italiano al fine di incrementare la sua presenza globale. A detta delle voci, l'azienda elvetica sarebbe tra le società che vorrebbero acquistare la quota del 50,1% detenuta dalla famiglia Benetton. World Duty Free è valutata circa 2,2 miliardi di euro. Gli altri potenziali compratori sarebbero la coreana Lotte DF Global e Kkr. Ben comprata Telecom Italia, che è avanzata dell'1,70% a 1,017 euro, dopo che Goldman Sachs ha inserito il titolo nella sua 'European focus list'. Inoltre i vertici del gruppo delle telecomunicazioni sono in missione in Brasile, dove da tempo si aspettano movimenti per un consolidamento del settore. Tra le banche ancora male Mps (-5,65% a 0,434 euro) dopo che ieri è decaduto il termine per le vendite allo scoperto sul titolo in vigore dallo scorso ottobre. L'azione della banca senese risente inoltre delle incertezze sulla taglia dell'aumento di capitale. Rimanendo nel comparto bancario le vendite hanno prevalso anche Banco Popolare (-0,61% a 11,25 euro) e Popolare di Milano (-2,58% a 0,696 euro). Sono invece finite in territorio positivo Intesa SanPaolo (+1,23% a 2,622 euro), Unicredit (+0,37% a 5,39 euro) e Mediobanca (+2,25% a 7,72 euro).

In sofferenza i titoli legati al petrolio dopo che il Wti ha aggiornato i nuovi minimi sotto 44 dollari al barile: Eni ha ceduto l'1,77% a 14,93 euro, Saipem il 4,50% a 7,85 euro e Tenaris il 4,26% a 12,11 euro. Tonica Cnh Industrial (+2,89% a 6,75 euro) che ha annunciato di avere chiuso il quarto trimestre del 2014 con un utile netto pari a 87 milioni di dollari contro i 54 milioni dell'analogo periodo dello scorso anno, mentre i ricavi sono scivolati del 10% a 8,37 miliardi di dollari. Quanto all'intero 2014 la società ha registrato un giro d'affari in calo del 3,8% a 32,6 miliardi e un utile netto per 708 milioni dagli 828 milioni del 2013. Nel 2015 la società si attende ricavi delle attività industriali di circa 28 miliardi di dollari, con un margine operativo delle attività industriali tra 6,1% e 6,4%.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata