Borsa, Milano chiude in netto calo, tra le banche salva solo Mps

Milano, 24 mar. (LaPresse/Finanza.com) - Inizio di ottava difficile per i mercati complici le deboli indicazioni macro arrivate sia da Cina che dagli Usa. A turbare i mercati europei ha contribuito anche l'esito delle elezioni amministrative in Francia, con il trionfo del fronte anti europeista. In chiusura l'indice Ftse Mib ha ceduto l'1,36% a quota 20.626 punti. A pesare sull'umore dei mercati del Vecchio continente già in avvio di giornata ha contribuito anche le ennesime deludenti indicazioni dalla Cina. L'indice cinese Pmi Hsbc è sceso a marzo a 48,1 punti dai precedenti 48,5 attestandosi sui minimi degli ultimi 8 mesi. Poi nel pomeriggio è arrivata anche la debole lettura dell'indice Pmi manifatturiero degli Stati Uniti calcolato da Markit e sceso a 55,5 punti a marzo dai 57,1 punti del mese precedente. Gli analisti si aspettavano un calo meno marcato a 56,5 punti.

Tra i pochi a schivare le vendite sul Ftse Mib è stata Mps (+1,54% a 0,2367 euro) che venerdì ha visto irrompere nell'azionariato Blackrock con una quota del 5,748% dell'istituto senese. Arretramento per Finmeccanica (-1,07% a 6,945 euro) dopo un avvio di giornata in buon rialzo insieme alla controllata Ansaldo Sts che invece ha conservato fino alla fine il buon umore andando a chiudere a +1,85%. A far da volano alcune indiscrezioni apparse nel weekend su 'La Repubblica' secondo cui sarebbero giunte a Finmeccanica quattro offerte per Ansaldo Sts e AnsaldoBreda da parte di General Electric, Hitachi, Thales e Bombardier. Inoltre Ansaldo Sts beneficia anche delle notizie in arrivo dal Perù. Il consorzio formato da Salini Impregilo, AnsaldoBreda e Ansaldo Sts ha presentato l'unica offerta nella gara per la costruzione della seconda linea della metropolitana di Lima. Commessa da 6,6 miliardi di dollari, pari a 4,8 miliardi di euro. Secondo Banca Akros la quota di Ansaldo Sts sarebbe pari a circa 480 milioni di euro, mentre la parte di pertinenza di AnsaldoBreda potrebbe valere sui 240 milioni di euro.

Tra i peggiori performer del Ftse Mib spiccano Yoox (-5,48%) e Moncler (-3,67%). Quest'ultima al debutto oggi all'interno dell'indice Ftse Mib al posto di Ansaldo Sts. Ansaldo Sts è passata nel Ftse Mid cap al posto di Tamburi Investment Partners. Tra i peggiori anche banco Popolare che ha ceduto poco più del 4%. In affanno anche Intesa Sanpaolo (-2,52%) che venerdì diffonderà i conti 2013 e il nuovo piano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata