Bce tratta con le banche italiane acquisti di crediti deteriorati
La mossa potrebbe aiutare le banche a scaricare alcuni dei loro circa 200 miliardi di euro di crediti in sofferenza

La Bce è in trattative con il governo italiano circa l'acquisto di pacchetti di prestiti in sofferenza, come parte del suo programma di acquisto di asset e li accetta come garanzia dalle banche in cambio di denaro. Lo riferisce il Tesoro. La mossa potrebbe aiutare le banche a scaricare alcuni dei loro circa 200 miliardi di euro di crediti in sofferenza, oltre a liberare risorse per nuovi prestiti. Tuttavia, potrebbe anche alimentare un dibattito negli altri Paesi sul fatto che la Bce sta prendendo troppi rischi con l'acquisto di titoli garantiti da attività (Abs) sulla base di prestiti che non sono stati rimborsati.I funzionari del Tesoro italiano hanno riferito che la Bce può acquistare tali titoli come parte del suo piano di acquisti da 1.500 miliardi di euro o accettarli come garanzia dalle banche in cambio di denaro. La Bce ha rifiutato di commentare. In base alle norme vigenti, la Bce può acquistare questi 'Abs' purché abbiano un rating al di sopra di una certa soglia, garantendo in tal modo si acquistano solo titoli di alta qualità.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata