Bce rivede al rialzo stime sul Pil, Draghi: Tassi invariati a lungo
Il quantitative easing durerà almeno fino a marzo 2017

La Bce ha alzato le stime di crescita per l'Eurozona nel 2016 a 1,6%, dal precedente 1,4%. Per il 2017 è confermata la previsione all'1,7%, mentre per il 2018 la stima è all'1,7% dal precedente 1,8%. Nessuna sorpresa, invece, sul fronte dei tassi da Vienna. In linea con le attese del mercato, la Banca centrale europea ha lasciato invariati i tassi di interesse al minimo storico dello zero in vigore da marzo. Confermati a -0,4% e 0,25% i tassi sui depositi marginali e sui prestiti marginali. I tassi resteranno "ai livelli bassi per un lungo periodo", ha spiegato il presidente della Bce Mario Draghi, in conferenza stampa a Vienna, aggiungendo che il quantitative easing durerà almeno fino a marzo 2017.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata