Bce, Lagarde: Non voglio passare alla storia per 'whatever it takes' 2

Milano, 12 mar. (LaPresse) - "Quando il mio predecessore - e amico - Mario Draghi ha lasciato la Bce, ricordo di aver detto in un'intervista che speravo di non dover mai fare un 'whatever it takes'" e "non voglio passare alla storia per un 'whatever it takes' numero due". Così la presidente della Bce, Christine Lagarde, in conferenza stampa a Francoforte, rispondendo a chi le chiedeva se le azioni intraprese dall'Eurotower potessero essere equiparate a quelle intraprese dall'istituto centrale per superare la crisi del 2011. "La cosa positiva della decisione di oggi - ha aggiunto Lagarde - è che c'è stato un supporto continuo attorno al tavolo" del board di Francoforte "rispetto all'utilizzare tutti gli strumenti disponibili e considerare la possibilità di adeguare i nostri strumenti in futuro al fine di indirizzare quei rischi che vediamo come una minaccia alla stabilità nell'area dell'euro". Lagarde ha sottolineato come "vorrei davvero che tutti noi unissimo le forze e spero vivamente che le autorità fiscali si renderanno conto del fatto che gestiremo questo shock solo se ci riuniremo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata