Bce e QE: impatto su economia rischia di essere limitato, ma euro continuerà a deprezzarsi (analisti)
(Finanza.com) La Bce non ha deluso le attese annunciando un quantitative easing da 60 mld di euro al mese a partire da marzo per concludersi nel settembre 2016. Il 20% dei bond sarà soggetto alla condivisione delle perdite. “La decisione della Banca Centrale Europea di oggi si è rivelata superiore delle aspettative che si erano già riflesse nei prezzi del mercato finanziario - rimarca Johannes Mueller, CIO Wealth Management Germany di Deutsche AWM (Gruppo Deutsche Bank) che vede sui mercati, dopo il primo entusiasmo iniziale, una certa tranquillità al posto della speculazione rampante degli ultimi giorni e settimane. "Siamo del parere che gli acquisti di titoli di Stato da parte della BCE non sarà né una panacea né un male - prosegue Johannes Mueller - Il duraturo effetto positivo sull'economia verrà probabilmente dalla svalutazione dell'euro, che equivale a un piccolo programma di stimolo. In ogni caso, l'impatto complessivo del QE rischia di essere limitato". L'esperto di Deutsche AWM ritiene che l'euro continuerà a deprezzarsi nei confronti del Dollaro, "un trend che sosterrà i profitti delle imprese nella zona Euro e quindi anche i mercati azionari".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata