Banche, Mef: Da Governo tutela a 1 mln correntisti per 12 miliardi

Roma, 11 dic. (LaPresse) - Il decreto del governo che ha salvato le 4 banche in crisi, favorendone la risoluzione, "ha messo al sicuro i risparmi di circa 1 milione di correntisti e obbligazionisti per un controvalore di circa 12 miliardi di euro (oltre ai depositi già garantiti)". Lo afferma il Ministero dell'Economia e delle Finanze sul suo sito. "Grazie al salvataggio sono nate 4 nuove banche con forza patrimoniale molto superiore a quella delle banche originarie, gravate da crediti in sofferenza o non esigibili", prosegue il Mef.

"L'alternativa al salvataggio sarebbe stata la liquidazione delle banche", ricordano da via XX Settembre. "In questo caso - spiega ancora il Ministero - la procedura avrebbe comportato la vendita di tutte le attività e la distribuzione degli eventuali proventi, comunque insufficienti a un rimborso completo, tra i creditori, insufficiente a un rimborso completo". Il Mef stima che il numero di persone destinate a subire un danno patrimoniale sarebbe stato "certamente" di diversi ordini di grandezza superiore alle 10.500 persone che hanno investito in obbligazioni subordinate.

Inoltre, prosegue il Ministero, "in caso di liquidazione sarebbe stata richiesta la restituzione dei crediti a vista messi a disposizione delle imprese sul territorio per un valore superiore a 10 miliardi di euro". "Questo perché in caso di liquidazione bancaria i titolari di un prestito o un mutuo vengono chiamati a restituirli immediatamente. Ovviamente sarebbe stato interrotto il rapporto di lavoro con i dipendenti", conclude il Mef.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata