Banche, Confesercenti: Bce e Bankitalia confermano stretta pmi

Roma, 10 lug. (LaPresse) - "La Bce ha parlato chiaro. Le Pmi italiane sono tra quelle che pagano di più il credito in Europa, anche se sempre più esiguo: solo da gennaio 2013 a maggio di quest'anno, i prestiti bancari alle aziende italiane sono crollati di altri 48 miliardi. Una situazione insostenibile: il Governo e le banche si attivino subito per riattivare l'erogazione del credito e ridurne i costi per i piccoli, come hanno chiesto la Bce e la Banca d'Italia". Così Massimo Vivoli, vice presidente vicario di Confesercenti e presidente di Italia Comfidi, sul bollettino mensile della Banca Europea e sulle parole del Governatore di Banca D'Italia Ignazio Visco.

"Le due banche centrali hanno più volte sottolineato la necessità di far ripartire il credito alle imprese, trasformando le iniezioni di liquidità ricevute dal sistema bancario in sostegno all'economia reale. Ancora oggi la Banca d'Italia ha dichiarato che ci sono a disposizione 120 miliardi di euro per il credito. Un fiume di risorse, che però diventa puntualmente un rivolo insignificante per le Pmi. Non basta limitarsi ad applaudire i moniti dei governatori: le banche devono anche metterli in pratica". "L'effetto della crisi del credito sulle piccole e medie imprese italiane - conclude Vivoli - è stato devastante. Ha accelerato le chiusure, come possiamo constatare ogni giorno attraverso i nostri Confidi e centri che offrono servizi per il credito sul territorio, ed ha anche dato nuovo impulso all'usura, come sottolineato dalla Banca d'Italia. Bisogna agire subito. Le banche devono fare la loro parte, e pure l'Esecutivo deve intervenire: chiediamo che si dia più sostegno ai Fondi di Garanzia, incrementandone la dotazione, per sbloccare al più presto l'ingranaggio del credito alle Pmi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata