Avio, crescita in doppia cifra anche nel 2018: dividendo 0,44 euro

La società leader nel settore aerospaziale ha concluso il 2018 con ricavi pari a 388,7 milioni di euro

Continua la crescita dei ricavi, degli utili e della cassa di Avio, società leader nel settore aerospaziale quotata al segmento Star di Borsa Italiana. Il 2018 dell'azienda, si apprende da una nota, si è concluso con ricavi pari a 388,7 milioni di euro, in progresso del 13% rispetto all'esercizio precedente e al di sopra della guidance che era fissata tra i 345 e i 365 milioni di euro. L'utile netto ha invece segnato un avanzamento del 18% a 25,8 milioni di euro, mentre l'Ebitda reported è cresciuto dell'8% a 42,6 milioni di euro.

Al di sopra della guidance si attesta anche il portafoglio ordini, a 877 milioni di euro al 31 dicembre rispetto a un target compreso tra i 700 e i 775 milioni. In particolare, in questo ambito si evidenzia il contratto firmato nel mese di febbraio 2018, relativo al batch PC per la fornitura dei propulsori a solido per gli ultimi 10 lanciatori Ariane 5 prima dell'avvicendamento con il nuovo lanciatore Ariane 6. Migliora infine la posizione finanziaria netta: +49,1 milioni di euro rispetto ai 41,7 milioni al 31 dicembre 2017. "Il 2018, in crescita a doppia cifra per il terzo anno consecutivo, è stato un anno determinante per la storia della nostra azienda", commenta l'amministratore delegato Giulio Ranzo, evidenziando che "dinamiche di mercato, tecnologia, investimenti e una robusta posizione finanziaria, ci permettono di guardare con fiducia ai prossimi 4-5 anni nei quali mettere a frutto le notevoli opportunità di miglioramento della nostra competitività".

Il consiglio di amministrazione ha intanto approvato un ampliamento delle soglie di payout ratio e dividend yield al fine di consentire una maggiore flessibilità per quanto riguarda la politica dei dividendi e, in ragione dei risultati conseguiti, ha deliberato di proporre all'assemblea degli azionisti prevista per il 29 aprile 2019 la distribuzione di un dividendo pari a 11,5 milioni di euro, pari a 0,44 euro ad azione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata