Auto, Unrae: Spinta a Europa da calendario, Italia rinnovi parco

Roma, 16 lug. (LaPresse) - A consentire la crescita in doppia cifra del mercato europeo dell'auto nell'ultimo mese, è stato il "favorevole effetto calendario", caratterizzato dai "due giorni lavorativi in più di giugno". Così l'Unrae, l'associazione delle case automobilistiche estere, commenta in una nota i dati diffusi dall'Acea relativamente alle mercato dell'automobile europeo.

"L'Italia si sta appena risollevando con il suo +15,2%, che ovviamente si confronta con il passato disastroso che abbiamo attraversato e che comunque cela l'effetto combinato della spinta del canale noleggio e dell'attrattività delle poderose campagne promozionali che hanno alimentato la domanda dei privati. Ma in Italia il noleggio ha praticamente esaurito la propria spinta e le risorse già messe in campo dalle case con i propri concessionari non sono infinite. Si può quindi cogliere l'opportunità di rilanciare il rinnovamento del parco anziano in Italia, purché sia attivato un programma fiscale più favorevole alle famiglie per la sostituzione del parco anziano e alle aziende per accelerare la sostituzione con un parco più fresco", segnala Romano Valente, direttore generale dell'Unrae, relativamente alla situazione italiana.

Molto positivo il dato spagnolo, con una crescita del 22% rispetto allo scorso anno. "Non v'è chi non veda dietro il brillante recupero della Spagna l'efficacia strategica del piano di rinnovamento del parco adottato ormai per l'ottava volta che sta contribuendo tangibilmente al rilancio del mercato, con un benefico ritorno per le casse dello Stato", il commento di Valente. Per quanto riguarda invece la Germania (+12,9%), l'Unrae rileva che "nonostante l'economia tedesca stia dedicando particolare attenzione all'evoluzione della situazione in Grecia e Cina, con motivazioni diverse, il mercato dell'auto tedesco sta beneficiando di forti politiche commerciali, del lancio di nuovi modelli, degli alti livelli di competitività internazionale e di una domanda dei consumatori robusta".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata