Apple, 1.000 nuovi posti in Irlanda prima di sentenza Ue su tax ruling

Dublino (Irlanda), 11 nov. (LaPresse/Reuters) - Apple procederà a 1.000 nuove assunzioni in Irlanda per aumentare la sua presenza nel Paese dove dichiara molto del suo utile realizzato all'estero per fini fiscali. Lo ha annnunciato il governo irlandese. L'Ue ha accusato lo scorso anno Dublino di favorire meccanismi di elusione fiscale di Apple consentendo al gruppo Usa di mettere al riparo decine di miliardi di dollari d'imponibile.

Il ministro delle Finanze irlandese, Michael Noonan, ha spiegato ai giornalisti che la decisione di Bruxelles in merito all'accusa di indebito aiuto di Stato da parte dell'Irlanda ad Apple arriverà dopo Natale. La decisione potrebbe costringere Apple a pagare una mole notevole di tasse arretrate. La principale agenzia di investimenti esteri irlandese, l'Ida, ha fatto sapere intanto che la Mela morsicata intende aggiungere 1.000 nuovi posti nel suo stabilimento di Corck entro metà 2017, dai 5.000 attuali, e che il gruppo ha già creato 1.000 posto l'anno scorso. Noonan ha commentato affermando che la scelta della multinazionale dimostra che la polemica intorno all'accordo fiscale con Apple "non ha danneggiato il suo entusiasmo per l'Irlanda". La società ha infatti annunciato anche la costruzione di un nuovo data center da 850 milioni di euro.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata