Amazon raddoppia paga minima Usa a 15 dollari. Bezos: "Ascoltate le critiche"

La nuova mossa del re dell'e-commerce: "Siamo contenti di questo cambiamento e incoraggiamo i nostri concorrenti e altri importanti datori di lavoro a unirsi a noi"

Amazon risponde alle critiche sulle buste paga raddoppiando il salario minimo negli Stati Uniti. Dal primo novembre, tutti i dipendenti a stelle e strisce non potranno essere pagati meno di 15 dollari l'ora, contro gli attuali 7,25 dollari. Questa misura, spiega in una nota il gruppo del ceo miliardario, Jeff Bezos, "riguarderà più di 250.000 dipendenti e i 100.000 addetti stagionali che saranno assunti in tutto il Paese durante le vacanze".

All'inizio di settembre, il senatore democratico del Vermont, Bernie Sanders, ex candidato nel 2016 nelle primarie per la presidenza Usa contro Hillary Clinton e paladino della sinistra, ha presentato una proposta di legge contro il lavoro sottopagato. Sanders chiede di tassare le grandi compagnie americane i cui dipendenti ricevono assistenza sociale per mancanza di un salario sufficiente. "Abbiamo ascoltato le critiche", dichiara Bezos nel comunicato in cui annuncia la decisione di Amazon, aggiungendo: "Siamo contenti di questo cambiamento e incoraggiamo i nostri concorrenti e altri importanti datori di lavoro a unirsi a noi".

Per la sua campagna, Sanders aveva in particolare preso di mira proprio Bezos, considerato l'uomo più ricco del mondo, la cui fortuna dopo la nascita di Amazon è stimata in 166 miliardi di dollari. Per migliorare la propria immagine, Bezos ha istituito il mese scorso un fondo da 2 miliardi di dollari per l'istruzione nelle comunità svantaggiate e per alloggi alle famiglie senzatetto. Ora, con l'aumento del salario minimo, il re del commercio on-line intende "sostenere un aumento del salario minimo che avrà un impatto profondo sulla vita di decine di milioni di persone e famiglie in tutto il Paese", precisa Jay Carney, responsabile degli affari commerciali di Amazon.

Il colosso statunitense del web ha da poco toccato i 1.000 miliardi di dollari di capitalizzazione, seconda società di Wall Street a tagliare l'ambizioso traguardo dopo Apple. Amazon corrisponde ai suoi dipendenti uno stipendio medio di 28.446 dollari e il salario minimo era fermo da un decennio. A livello globale, il gruppo conta circa 575mila dipendenti. In una seconda comunicazione, l'azienda annuncia anche un ritocco al salario minimo per 37mila dipendenti del Regno Unito, con un aumento a 10,5 sterline a Londra e a 9,5 sterline nel resto del Paese. Le decisioni di Amazon arrivano dopo anni di contestazioni dei sindacati sulle condizioni di lavoro e, soprattutto, sulle turnazioni e sul ricorso massiccio a contratti a tempo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata