Al via i saldi invernali: attesa spesa complessiva di 5,3 miliardi

Roma, 3 gen. (LaPresse) - Ad eccezione di Basilicata e Campania - che hanno cominciato ieri - prendono il via oggi in tutta Italia i saldi invernali. Secondo le stime dell'Ufficio studi di Confcommercio ogni famiglia spenderà 336 euro per l'acquisto di capi d'abbigliamento, calzature e accessori, per un valore complessivo di 5,3 miliardi di euro. Almeno un italiano su due approfitterà degli sconti, ma si registra un calo del 7,3% rispetto al 2014, con una flessione che raggiunge quasi il 20% negli ultimi 5 anni. Al primo posto dei prodotti che saranno acquistati ci sono i capi di abbigliamento (92,3%), seguiti da calzature (66,7%), accessori (22,7%), biancheria intima (20,6%), articoli sportibi, pelletteria e biancheria per la casa.

Per affrontare la stagione dei saldi in sicurezza ed evitare spiacevoli sorprese, il Codacons, come ogni anno, ha diffuso un decalogo di semplici regole. Fondamentale conservare sempre lo scontrino, perché non è vero che i capi in svendita non si possono cambiare. Il negoziante è obbligato a sostituire l'articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono sostituire. Se il cambio non è possibile, ad esempio perché il prodotto è finito, si ha diritto alla restituzione dei soldi (non ad un buono). Si hanno due mesi di tempo, non 7 o 8 giorni, per denunciare il difetto.

Le vendite devono essere realmente di fine stagione: la merce deve essere l'avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondo di magazzino. Stare alla larga, invita il Codacons, da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono magicamente riempiti dei più svariati articoli. È improbabile, che a fine stagione il negozio sia provvisto, per ogni tipo di prodotto, di tutte le taglie e colori.

E' importante poi nei giorni che precedono i saldi andare nei negozi e segnare il prezzo dei prodotti che interessano. In questo modo si può verificare l'effettività dello sconto praticato e andare a colpo sicuro, evitando inutili code. Non fermarsi mai al primo negozio che propone sconti, ma confrontare i prezzi con quelli esposti in altri esercizi.

Diffidare degli sconti superiori al 50%, perché spesso nascondono merce non proprio nuova, o prezzi vecchi falsi (si gonfia il prezzo vecchio così da aumentare la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all'acquisto). Per il Codacons acquistare prodotti nei negozi di fiducia permette comunque di affrontare le spese con una sicurezza maggiore.

Un consumatore attento dovrebbe fare molta attenzione al cartellino del prezzo su cui dovrebbe essere indicato il costo vecchio, quello in saldo e la percentuale di sconto. E al momento di tirare fuori il portafoglio valgono le stesse regole di sempre: se il negoziante espone in vetrina l'adesivo che indica la possibilità di pagare con la carta di credito o con il bancomat, dovrà permetterlo anche nel periodo dei saldi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata