Accordo Mef-Bei per finanziamento da 1 mld a rete ferroviaria locale

Roma, 30 gen. (LaPresse) - Accordo tra il Ministero dell'Economia delle Finanze e la Banca europea per gli investimenti per 950 milioni di euro di finanziamento destinati al piano di interventi di Rete Ferroviaria Italiana. L'intesa è stata siglata oggi in via XX Settembre dal vicepresidente della Bei, Dario Scannapieco, e dal direttore generale del Tesoro, Vincenzo La Via, alla presenza del ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan. I fondi serviranno all'ammodernamento delle linee ferroviarie convenzionali e delle tratte regionali e locali dal Nord al Sud d'Italia. Erano presenti anche l'amministratore delegato di Fs Italiane, Michele Mario Elia, l'amministratore delegato di Rfi, Maurizio Gentile, e rappresentanti del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti.

Con questa operazione, spiega il Mef, "la Repubblica Italiana può avvantaggiarsi delle condizioni favorevoli dei prestiti Bei, che grazie alla propria solidità patrimoniale emette obbligazioni sui mercati internazionali alle quali è riconosciuta la tripla A dalle principali agenzie di rating. Ciò permetterà quindi al Tesoro, destinatario del finanziamento, un risparmio nella spesa per interessi". Il Tesoro, a sua volta, "indirizzerà le risorse al piano di investimenti di Rete Ferroviaria Italiana che, attraverso un contratto di progetto, si impegna a realizzare interventi di ammodernamento, adeguamento e manutenzione di tutta la rete convenzionale delle ferrovie italiane, di cui quotidianamente usufruiscono milioni di cittadini italiani". Buona parte degli interventi è prevista nel Mezzogiorno. Il finanziamento arriva alla fine di un processo di valutazione della Bei volto a verificare la conformità del progetto a determinati criteri (ad esempio, rispetto delle regole di procurement, tutela ambientale). "L'intero iter è un'ulteriore garanzia della qualità dell'intervento", evidenziano da via XX Settembre.

PADOAN: PARTONO INVESTIMENTI. Il finanziamento rientra nella strategia di rilancio degli investimenti a cui il governo è fortemente impegnato. Lo afferma Padoan. "Due gli obiettivi che si intendono perseguire - sottolinea Padoan - da un lato migliorare le infrastrutture e i servizi a disposizione dei cittadini; dall'altro, rilanciare una stagione di investimenti per favorire la crescita economica e la creazione di posti di lavoro". "Lavoreremo perché la Bei finanzi altri progetti partendo da quelli già individuati dalla task force nazionale e trasmessi alle istituzioni europee", conclude il ministro.

ELIA: PRIORITA' NUOVI CANTIERI. "Una delle priorità strategiche per il gruppo è quella di avviare nuovi cantieri per gli interventi di ammodernamento infrastrutturale e tecnologico della rete convenzionale", commenta l'a.d. di Ferrovie dello Stato, Michele Mario Elia. "Queste nuove risorse finanziarie permetteranno di accelerare l'avvio dei cantieri e di sbloccare alcune importanti opere già progettate", prosegue.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata