La compagnia - che decollerà dal 15 ottobre - si sta preparando ad avviare le vendite dei propri biglietti

Nuovo, importante, capitolo nella storia di Ita. Il vettore ha ottenuto dall’Enac il Certificato di Operatore Aereo (Coa) e la Licenza di Esercizio di Trasporto Aereo. Un passaggio chiave per la compagnia aerea, che potrà così finalmente decollare e avviare la vendita di biglietti.

Il rilascio da parte dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile del Coa e della licenza di trasporto aereo era atteso, dopo il primo volo tecnico di Ita effettuato nel pomeriggio del 16 agosto. La compagnia – che decollerà dal 15 ottobre – si sta preparando ad avviare le vendite dei propri biglietti. Potrebbe però servire ancora qualche giorno, dal momento che vi sono ancora dei passaggi tecnici da completare dopo l’ottenimento del Coa. Secondo indiscrezioni stampa, comunque, l’avvio della vendita sarebbe atteso entro questa settimana.

“Ita può decollare. L’augurio è che la nuova compagnia di riferimento nazionale contribuisca alla ripartenza del settore, contribuendo, in modo deciso a superare le difficoltà derivanti dalla crisi pandemica”, ha detto il presidente dell’Enac Pierluigi Di Palma. “L’Enac – ha aggiunto – continuerà nel proprio compito istituzionale e tecnico per garantire l’avvio operativo di Ita, vigilando sul rispetto degli interessi pubblici e dei diritti dei passeggeri che costituiscono elementi essenziali del business del trasporto aereo”.

Soddisfazione espressa anche dal direttore generale dell’ente, Alessio Quaranta: “Il rilascio del Coa attesta che la compagnia aerea è in possesso della capacità professionale e dell’organizzazione aziendale necessarie ad assicurare l’esercizio dei propri aeromobili in condizioni di sicurezza. La licenza di operatore aereo costituisce il provvedimento finale relativo alle verifiche giuridico-amministrative ed economico-finanziarie, oltre che tecnico operative. Con il possesso del Coa e della licenza di operatore aereo la società può avviare la vendita di biglietti”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata