L'ex presidente della BCE apre il Meeting di Rimini: "L'Europa è responsabilità e solidarietà"

"È ancora incerto quando il vaccino sarà disponbile, quando potremo recuperare la normalità delle nostre relazioni. In sostanza, tutto ciò è profondamente destabilizzante. Dobbiamo ora pensare a riformare l'esistente senza abbandonare i principi generali che ci hanno guidato in questi anni". Lo ha dichiarato Mario Draghi nel discorso di apertura del Meeting di Rimini. "L'adesione all'Europa, con le sue regole di responsabilità, ma anche di interdipendenza comune e di solidarietà; il multilateralismo, con l'adesione a un ordine giuridico mondiale. Il futuro è nelle riforme, anche profonde, dell'esistente e occorre pensarci subito", ha concluso l'ex presidente della BCE.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata