Roma, 29 set. (LaPresse) – “Il rischio è quello di un effetto domino in tutta la filiera dell’automotive. Per questo confidiamo su un sistema di controlli rigorosi che consenta di riconquistare la fiducia dei consumatori e la corretta concorrenza tra le imprese”. Lo ha dichiarato il presidente nazionale della Cna, Daniele Vaccarino, commentando lo scandalo dei motori diesel Volkswagen.

Come affermato dal viceministro ai Trasporti, Riccardo Nencini, a margine del meeting nazionale dei Centri di revisione, organizzato da Cna Autoriparazioni, “sarebbero circa un milione i veicoli coinvolti secondo una previsione di massima e sono in corso controlli per verificare il danno provocato anche in Italia”.

“Chi ha truffato dev’essere punito – ha aggiunto Vaccarino – la professionalità e il rispetto delle regole sono la prima forma di legalità, una cultura che cerchiamo di diffondere e mantenere tra le nostre imprese e che tutti dobbiamo contribuire a rispettare. Altrimenti, scandali come quello della Volkswagen rischiano di diffondersi a macchia d’olio e minare la tenuta dell’intera economia”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata