Milano, 12 giu. (LaPresse) – “Da Rosneft non c’è nessuna influenza sulle nostra partecipazioni, hanno infatti investito in Camfin”. Così Marco Tronchetti Provera, patron di Pirelli, durante l’assemblea degli azionisti, in merito al ruolo del gruppo russo Rosneft nella gestione delle partecipazioni della Bicocca. “La gestione spetta a me, il cda decide a maggioranza, non ci sono accordi di nessun tipo” ha proseguito Tronchetti, confermando l’obiettivo del piano industriale 2014-2026 di dismissioni delle partecipazioni non strategiche per 150 milioni. Oggi la Bicocca è presente nel capitale di Prelios, Mediobanca, Rcs e Eurostazioni, che detiene il 40% di Grandi Stazioni del gruppo Fs. Tronchetti ha aggiunto che quella dell’accordo con Rosneft “si sta dimostrando una scelta corretta, e dopo una fase di start-up ora vediamo un cammino di profittabilità”. L’assemblea dei soci di Pirelli ha approvato il bilancio 2013.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata