Unesco, primo italiano nel gruppo di esperti: è il professore che curò il riconoscimento della pizza

Il professor Pier Luigi Petrillo è stato eletto con il 92% di voti favorevoli

Il Comitato del Patrimonio Culturale dell'Unesco, ancora in corso a Port Louis (Mauritius), ha eletto, con il 92% di voti favorevoli, il professor Pier Luigi Petrillo come membro del gruppo di esperti che dovranno valutare le candidature per i prossimi quattro anni. È la prima volta per un italiano. Il gruppo si compone di 6 super-esperti eletti ogni 4 anni dal comitato del patrimonio culturale, in rappresentanza di circa 200 Stati, con il compito di valutare - per il periodo 2019-2023 - le proposte di riconoscimento Unesco provenienti da tutto il mondo.

Gli altri esperti sono Sonia Aguirre (Cile), Hien Nguyen (Vietnam), John Omare (Kenya), Saeed al Busaidi (Oman). Da anni impegnato a valorizzare il patrimonio naturalistico italiano anche sotto il profilo culturale in ambito internazionale, Petrillo è stato uno degli autori della Convenzione Unesco sul patrimonio culturale immateriale ed è stato l'artefice dei riconoscimenti delle Isole Eolie, delle Dolomiti, dei paesaggi vitivinicoli delle Langhe-Roero e Monferrato, dell'Arte dei Pizzaiuoli Napoletani, della Dieta Mediterranea, di Pantelleria, e, da ultimo, della tecnica dei muretti a secco.

"Sono particolarmente felice che un italiano sia stato eletto in un contesto internazionale così rilevante per il nostro Paese - ha dichiarato il Ministro dell'Ambiente, Sergio Costa - e sono anche molto orgoglioso del fatto che questo italiano sia il mio Capo di Gabinetto". Subito dopo l'elezione, Petrillo ha ringraziato l'impegno profuso dal ministero degli Esteri, ed in particolare dagli ambasciatori Vincenzo De Luca e Massimo Riccardo che hanno rappresentato l'Italia nei migliori dei modi. Il presidente del Comitato del Patrimonio Culturale dell'Unesco, nell'annunciare l'esito del voto, si è complimentato con l'Italia ed ha espresso particolare apprezzamento per l'esperto italiano cui ha riconosciuto "una capacità unica nel promuovere a livello mondiale le tradizioni rurali e sostenibili del pianeta".

Ecco il video di quando Petrillo, incaricato del Mipaaf per l’Unesco, portava avanti la proposta di far diventare l'arte della pizza patrimonio culturale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata