E' morto il vignettista Quino, il creatore della ribelle Mafalda
E' morto il vignettista Quino, il creatore della ribelle Mafalda

Nelle strisce a fumetti Mafalda porta avanti con irriverenza battaglie femministe e pacifiste

Lutto nel mondo dei fumetti: è morto all'età di 88 anni Quino, il creatore della ribelle 'Mafalda'. Joaquín Salvador Lavado Tejón è stato uno dei fumettisti argentini più famosi al mondo. Il suo personaggio più celebre ha accompagnato diverse generazioni di adulti e bambini in tutto il mondo. Mafalda è una bambina irriverente, dal tono un po' polemico e sempre ironico. Arguta, attenta ai cambiamenti nella società, Mafalda ha sempre preso di mira il potere, le guerre, i governi portando avanti battaglie femministe e pacifiste a colpi di battute sulle celebri strisce a fumetti.

Accanto a lei ruotano personaggi e bimbi del quartiere che rappresentano spaccati di mondi diversi: dall'antifemminista Susanita al timido Felipe, passando per il lavoratore, anche un po' avido, Manolito. Ma Mafalda non si occupa solo di politica: celebre è il suo odio per la minestra della mamma, così come il suo amore per i Beatles. La sua attenzione verso il mondo intero è spesso esemplificata dalla cura che riserva al Mappamondo di casa: mentre il padre innaffia le piante, lei cerca di curare il mondo 'malato' tenendolo al calduccio sotto una coperta. Attorno a lei un mondo di adulti tutto da scoprire: dalla mamma istruita che ha lasciato la scuola dopo il matrimonio, al papà impiegato, spesso afflitto dalla vita.

Il suo editore Daniel Divinsky ha scritto su Twitter: "Tutte le persone buone nel Paese e nel mondo lo piangeranno". I fumetti di Quino sono stati tradotti in decine di lingue, vendendo milioni di copie. Quino è il fumettista di lingua spagnola più tradotto al mondo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata