In libreria 'Il libro nero della Lega' di Giovanni Tizian e Stefano Vergine

L'evoluzione del Carroccio, dalla 'caduta' di Umberto Bossi alla gestione di Matteo Salvini

Da domani arriva in libreria 'Il libro nero della Lega', edito da Laterza. E' frutto di una inchiesta durata due anni e curata dai giornalisti Giovanni Tizian e Stefano Vergine che, documenti alla mano, hanno ricostruito passo passo tutta l'evoluzione del Carroccio, dalla 'caduta' di Umberto Bossi alla gestione di Matteo Salvini.

Il libro è firmato dai due cronisti 35enni che per l'Espresso hanno curato diversi articoli dedicati alla Lega, ai 49 milioni di euro 'spariti' dalle casse del partito, ai contatti tra il Carroccio e il Cremlino. Un lavoro paziente, dettagliato e puntuale che nel 2018 è valso loro anche il Premio Franco Giustolisi 'Giustizia e Verità'.

Nelle oltre 300 pagine del libro ci sono tutti gli episodi salienti della recente storia del partito fondato da Umberto Bossi. Ci sono i conti sui quali sono fatti transitare i 49 milioni di rimborsi elettorali della truffa sui rimborsi elettorali architettata da Umberto Bossi e Francesco Belsito, viene raccontato il metodo Parnasi per farli sparire e viene descritta la nascita della 'nuova Lega' guidata dal minitro dell'Interno, che di quei fondi dice di non sapere nulla. Tizian e Vergine raccontano il perchè del successo elettorale del Carroccio anche al Sud. C'è anche la svolta sovranista del Carroccio e le relazioni intessute trai vertici di via Bellerio con il presidente russo Vladimir Putin e il presidente americano Donald Trump.

Quello che emerge è un quadro completo del Carroccio e dei chiaroscuri della storia recente del partito. Un racconto avvincente, di cui L'Espresso ha anticipato due estratti nei giorni scorsi. Anteprime che hanno colpito l'attenzione non solo dei lettori italiani ma anche di molte testate internazionali.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata