Fabrizio Cotognini vince il Premio Cairo 2018 con 'Aurora'

Al maceratese 25mila euro, un servizio dedicato e la copertina del numero di dicembre di Arte

Fabrizio Cotognini, maceratese classe 1983, vince il Premio Cairo 2018 con la sua opera “Aurora” (matite, inchiostro, biacca, mylar e oro 24k, su incisioni originali XVIII secolo, cm 70x100x12 ciascuna, e libro d’artista, cm 25x190). “Per la capacità di armonizzare in chiave contemporanea storia dell’arte e cultura popolare attraverso il filtro dell’alchimia, della letteratura, della pittura colta e, non ultimo, della bellezza”, così si è espressa la giuria, presieduta da Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, chiamata a esaminare le opere realizzate ad hoc per il Premio, dei 20 artisti under 40 della 19esemia edizione. A Cotognini 25mila euro, oltre a un servizio dedicato e alla copertina del numero di dicembre di Arte.

“Sono onorato di avere vinto il Premio Cairo”, ha detto l’artista subito dopo la proclamazione a Palazzo Reale a Milano. “Avevo partecipato al Premio qualche anno fa e già all’epoca la risonanza sul mio lavoro era stata molto importante. E’ un grande riconoscimento anche perché in passato hanno vinto artisti di cui ho una grandissima stima e il livello è sempre stato alto”. Per creare l’opera con la quale partecipare al Premio, Cotognini si è ispirato alla storia dell’arte: “è sempre il mio punto di partenza. Mediante il processo creativo tendo a spostare e traslare una serie di simbologie e icone e quindi creare un dialogo tra passato e presente”, ha spiegato. Tra i progetti futuri del giovane artista una mostra alla Prometeo Gallery di Milano prima della metà del prossimo anno.

Nel frattempo a Palazzo Reale nel capoluogo lombardo saranno esposti i lavori realizzati da tutti i partecipanti dell’edizione e delle precedenti. La mostra, a ingresso gratuito, sarà visitabile a partire da domani fino a domenica 21 ottobre. Dei 345 artisti che hanno partecipato negli anni precedenti, 41 sono stati invitati a esporre alla Biennale di Venezia nelle edizioni tra il 2000 e il 2017.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata