Arte,a Roma 'Il Paradiso Inclinato' incontra la Notte Bianca
La mostra d'arte contemporanea curata da Luca Tomìo e presentata dal professor Achille Bonito Oliva rimarrà aperta domani, sabato 21, e domenica 22

 Il Paradiso Inclinato non chiude i cancelli, anzi rilancia. Dopo il successo di pubblico, con oltre 15 mila visitatori in due settimane, la mostra d'arte contemporanea curata da Luca Tomìo e presentata dal professor Achille Bonito Oliva rimarrà aperta domani, sabato 21, e domenica 22, in occasione della Notte dei Musei, con un nuovo allestimento. Gli hangar dell'Ex Dogana, infatti, questa volta metteranno in luce le opere dei giovani artisti alcuni dei quali vivono quotidianamente e lavorano nella struttura allo Scalo San Lorenzo, da mesi una vera e propria Factory dell'arte contemporanea a Roma.

 

Via dunque le opere dei grandi maestri come Alighieri Boetti, Gino De Dominicis e Jannis Kounellis e spazio quindi alle new entries Cristallo Odescalchi, Fabrizio Bixio Braghieri, Alice Paltrinieri che andranno ad affiancare i nuovi lavori di Alberonero, Gonzalo Borondo, Edoardo Tresoldi, Karine Sutyagina, Eracle Dartizio, Luigi Puxeddu, Carlo Gasparini, Daniele Deca De Carolis, Matteo Nasini, Pietro Ruffo, Arcangelo Sassolino, Lorenzo Petrucci; e con un omaggio al maestro Tano Festa e le opere di Alberto di Fabio. "In fondo l'arte è una continua migrazione, è frutto di un nomadismo ed io credo molto nell'identità apolide degli artisti e questa mostra ne fonda la dimensione in uno spazio, l'ex Dogana, che si presta assolutamente a diventare una sorta di luogo definito e definitivo per accogliere questa ed altre mostre", ha sottolineato il professor Bonito Oliva nella sua presentazione e per questo che "il fine della mostra era quello di dare una scossa, dare slancio ad una nuova energia. Gli artisti 'storici' hanno dato l'impulso ed ora vogliamo che siano gli artisti giovani a proseguire " spiega il curatore Luca Tomìo, già pronto per una nuova mostra a giugno sempre negli spazi dell'Ex Dogana.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata