Livorno, a novembre retrospettiva su Modigliani per il centenario dalla morte
Livorno, a novembre retrospettiva su Modigliani per il centenario dalla morte

E' la prima esposizione che la sua città dedica al grande pittore e scultore. In mostra dal 7 novembre al 16 febbraio 120 opere della cosiddetta Ecole de Paris, di cui 14 dipinti dell'artista toscano

Livorno, la città natale di Amedeo Modigliani (1884-1920), ospiterà dal 7 novembre al 16 febbraio 2020 una grande retrospettiva dedicata al suo illustre concittadino, dal titolo 'Modigliani e l'avventura di Montparnasse - La collezione Jonas Netter'. Saranno nella città 120 opere della cosiddetta Ecole de Paris, di cui 14 dipinti di Modigliani e (probabilmente) 12 disegni. La mostra, organizzata dal Comune di Livorno insieme all'Istituto Restellini di Parigi, main partner la Fondazione Livorno, si terrà al Museo della Città di Livorno, in occasione del centenario della morte di Dedo Modì, avvenuta il 24 gennaio 1920 a Parigi, dove l'artista viveva dopo aver lasciato la sua città di origine e formazione.


E' la prima esposizione che la sua Livorno dedica al pittore e l'immagine simbolo del catalogo sarà 'La bambina in blu', dipinto ad olio su tela del 1918 in cui il soggetto è rappresentato in figura piena nella totale sua interezza. Nella sala Cerimonie di palazzo comunale, oggi, alla presenza del sindaco Luca Salvetti e dell'assessore alla Cultura Simone Lenzi, è stato siglato ufficialmente il contratto tra il Comune di Livorno e l'Istituto Restellini di Parigi, rappresentato dal suo fondatore, lo storico dell'arte e direttore di musei francesi, Marc Restellini, riconosciuto, a livello internazionale, come uno dei massimi esperti e specialisti dell'artista Amedeo Modigliani.

L'Istituto Restellini gestisce una collezione di opere denominata 'Jonas Netter Collection', una delle collezioni di Amedeo Modigliani più prestigiose, in quanto costituita dal primo collezionista e sostenitore del pittore, Jonas Netter, appunto. La collezione comprende anche opere importantissime dei numerosi artisti attivi a Parigi all'inizio del XX secolo e riconducibili alla Ecole de Paris, fra i quali Pierre Bonnard, Fernand Léger e André Derain. Marc Restellini è anche l'ideatore di un progetto unico dedicato all'opera di Amedeo Modigliani: un catalogo ragionato, realizzato sia grazie a tecnologie innovative, sia grazie a un approccio scientifico originale.


Il sindaco Luca Salvetti, dopo la firma a Palazzo comunale del contratto, ha commentato: "Amedeo Modigliani torna nella sua Livorno, dove è nato e si è formato artisticamente. Avrebbe voluto farlo in quel lontano 1920, in cui la vita lo ha lasciato, avrebbe voluto tornare a vivere a Livorno con la sua Jeanne. Lo aveva detto agli amici pittori, a Parigi in molti sapevano. Ma la sorte ha avuto altre mire per lui. Ma a 100 anni dalla morte siamo riusciti, con grande coraggio, a far tornare l'anima di Dedo nella sua città.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata