Volo L'Avana-Milano, Codacons: Passeggeri hanno diritto a risarcimento

Roma, 19 nov. (LaPresse) - In relazione ai passeggeri rimasti contusi durante il volo Cuba-Milano Malpensa, si presume a causa di una turbolenza, il Codacons precisa i diritti dei consumatori. Per la Convenzione di Montreal e per la Carta dei diritti del Passeggero in caso di incidente la compagnia aerea ha l'obbligo di rimborsare i danni prodotti da ferite o lesioni personali del passeggero fino a 100.000 Dsp, ossia circa 116.000 euro, senza poter addurre giustificazioni alla propria responsabilità. In pratica, fa sapere l'associazione, i consumatori hanno diritto al risarcimento del danno per il solo fatto che le lesioni personali si sono prodotte a bordo dell'aeromobile.

"Solo per i danni che eccedono i 100.000 Dsp la compagnia può tentare di dimostrare di non avere colpe e che il danno non è dovuto a negligenza, atto illecito o omissione propria o dei propri dipendenti. Per quanto riguarda invece chi non ha subito lesioni fisiche, scatta ugualmente il diritto al risarcimento per la paura subita, salvo la compagnia dimostri che non poteva evitare la turbolenza e si è trattato di una circostanza eccezionale".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata