Vibo Valentia, sequestrate 1,50 tonnellate droga in mare: 7 arresti
In manette tre scafisti e quattro responsabili dell'organizzazione a terra

Operazione aeronavale nel Mar Ionio dove le Fiamme Gialle, in cooperazione con la guardia costiera greca e con aerei di Spagna e Portogallo di Frontex coordinati dall'International Coordination Centre dell'operazione 'Triton', hanno individuato nelle immediate adiacenze della costa ionica calabrese un potente gommone che trasportava una tonnellata e mezza di marijuana proveniente dall'Albania e diretto alla basa Locride.

L'operazione è scattata nella serata del 6 aprile quando il nucleo di Frontiera marittima della guardia di Finanza in Albania, in contatto con la Divisione antidroga e antiterrorismo ellenica, ha dato l'allarme. Le unità navali del Reparto operativo aeronavale della guardia di finanza di Vibo Valentia hanno iniziato un inseguimento dalle coste calabresi sino a quelle del Peloponneso dove a nord-ovest di Creta, nelle acque della Grecia, sono state assistite dalla guardia costiera ellenica con l'assistenza di un aereo della guardia di finanza.

L'operazione ha consentito di sequestrare il gommone e arrestare 7 persone: tre scafisti e quattro responsabili dell'organizzazione a terra. Sequestrati 1,5 tonnellate di marijuana. Lo stupefacente, una volta immesso sul mercato, avrebbe fruttato un guadagno di circa 7 euro al grammo per un valore complessivo di oltre 10 milioni di euro.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata