Verona, ritrovati quadri rubati a novembre: erano in Ucraina
Tra le tele Tintoretto, Rubens, Mantegna e Pisanello. Franceschini: Presto a casa

Sono stati ritrovati in Ucraina i 17 quadri che erano stati rubati lo scorso 19 novembre dal museo Castelvecchio di Verona. Le tele, tra cui ci sono capolavori di Tintoretto, Rubens, Mantegna e Pisanello, sono preziosissime: il valore complessivo è di oltre 16 milioni di euro. Ad annunciarlo è stato  il presidente ucraino, Petro Poroshenko, che ha spiegato come le autorità ucraine inviteranno nel Paese le autorità italiane per la stima necessaria a confermare l'autenticità delle opere, passo necessario per il ritorno in patria.

"E' un grande giorno, ora presto le opere torneranno al Museo di Castelvecchio a Verona", ha dichiarato il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini. "Si chiude così la vicenda di questo furto, prima con gli arresti dei colpevoli da parte del comando carabinieri tutela patrimonio culturale e della polizia di Stato e ora il recupero delle opere in Ucraina. Ancora un ringraziamento ai carabinieri e alla polizia, che con tenacia e professionalità hanno operato costantemente senza mai lasciare il territorio ucraino dall’inizio delle indagini, e alle autorità ucraine per la preziosa azione prestata per questo importante recupero".

Soddisfatto anche il ministro Alfano: "Grande lavoro di squadra della Polizia di Stato e dei Carabinieri, insieme per tutelare il valore artistico italiano", ha dichiarato il titolare dell'Interno. "E' stato, infatti, un lungo lavoro di indagine, coordinato dalla magistratura e con la collaborazione di investigatori locali, che ha consentito il ritrovamento, in Ucraina, delle 17 pregiate tele sottratte al museo di Castelvecchio di Verona e che aveva portato, prima, all'arresto di tredici persone responsabili del gravissimo furto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata