Venezia, scriveva 'squola': licenziata maestra d'italiano
La decisione dopo le proteste dei genitori dei suoi alunni che avevano tenuto a casa i bambini dopo aver visto gli errori di ortografia

Scriveva "scuola" con la "q" e sbagliava le doppie. Veri e propri orrori di ortografia che sono costati il posto a un'insegnante delle elementari.

Il suo caso era finito sulle pagine dei giornali nel novembre del 2015, quando i bambini della 1A e della 1B della scuola Papa Sarto di Veternigo non si erano presentati a scuola per otto giorni consecutivi. Trentanove bambini tenuti a casa dai genitori, stanchi della maestra che insegna i propri errori ai piccoli che stanno appena imparando a leggere e scrivere. La docente venne messa sotto ispezione, poi sospesa e infine licenziata per "asserita incapacità". 

La donna ha fatto ricorso, ma ora il giudice del lavoro ha respinto l'opposizione. A riportarlo è "La Nuova di Venezia e Mestre", che spiega come il giudice abbia ritenuto inammissibile anche la domanda di destinare la maestra ad altre mansioni: il suo nome non apparirà più nelle graduatorie per insegnare.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata