Vatileaks, assolti Fittipaldi e Nuzzi, condannata Chaouqui
Nel processo per fuga di notizie condannato monsignor Balda e prosciolto Maio

Il Tribunale del Vaticano ha pronunciato la sentenza di primo grado nel processo per fuga di notizie: i giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi sono 'prosciolti per difetto di giurisdizione', assolto Nicola Maio per non aver commesso il fatto e condannati Francesca Chaouqui (10 mesi di reclusione con pena sospesa), monsignor Lucio Vallejo Balda (condannato a 18 mesi di reclusione).

Per Balda e Chaouqui sono cadute le accuse relative all'associazione nel processo Vatileaks che si è concluso con queste uniche due condanne. I due giornalisti sono stati prosciolti per incompetenza del Tribunale, essendo essi cittadini italiani che mai hanno compiuto azioni di nessun tipo in Vaticano.
 

LEGGI ANCHE Vatileaks, Padre Lombardi: Combattere indiscrezioni ambigue

"Non ho mai minacciato monsignor Balda e non ho mai passato documenti ai giornalisti", ha detto Chaouqui davanti alla corte del Vaticano nella dichiarazione spontanea prima della camera di consiglio e della sentenza. "Volevo chiedere scusa alla Corte per altre dichiarazioni fatte durante il processo non mi rispecchiavano. Sono una persona orgogliosa, rabbiosa, e a volte dovrei tacere". "Mi è stata data la pena più alta - ha aggiunto - come se avessi costruito tutto da sola. Se la corte dovesse chiedere all'Italia di eseguire la sentenza, io e mio figlio passeremo i suoi primi anni di vita in galera".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata