Vaticano, Santa Sede accetta le dimissioni del vescovo di Limburg

Città del Vaticano, 26 mar. (LaPresse) - La Santa Sede ha accettato le dimissioni presentate lo scorso ottobre da monsignor Franz Peter Tebartz-van Elst, alla guida della diocesi di Limburg, in Germania. Lo annuncia un comunicato della stessa diocesi e diffuso dalla sala stampa vaticana. Il vescovo, che riceverà un nuovo incarico, era stato coinvolto in uno scandalo legato a presunte spese eccessive. La decisione della Santa Sede è stata assunta, si legge nel bollettino, "vista la situazione che si è venuta a creare nella diocesi tedesca che impedisce un esercizio fecondo del ministero" da parte di Tebartz-van Elst. È stato quindi nominato come 'Amministratore apostolico sede vacante' monsignor Manfred Grothe, vescovo ausiliare in un'altra diocesi tedesca.

GALATINI NUOVO SEGRETARIO GENERALE CEI. Papa Bergoglio ha nominato monsignor Nunzio Galatino, vescovo di Cassano all'Jonio, nuovo segretario generale della Conferenza episcopale italiana. Galatino, come si legge nel bollettino della sala stampa vaticana, resterà in carica "ad quinquennium", ossia per cinque anni. Lo scorso 28 dicembre il Pontefice gli aveva già affidato l'incarico ad interim, consentendogli su sua esplicita richiesta di rimanere alla guida della diocesi calabrese.

UDIENZA DEL MERCOLEDÌ. Il Papa ha dedicato parte dell'udienza generale di oggi in piazza San Pietro al ruolo dei ministri del culto. "Un vescovo, un sacerdote che non è al servizio della comunità, non fa bene", ha detto il Pontefice, aggiungendo che "il vescovo o il sacerdote che non celebrano e non pregano perdono il legame con Gesù". Bergoglio ha inoltre affrontato il tema del sacerdozio. "Come si deve fare - ha detto rivolgendosi ai fedeli sul sagrato, parlando a braccio come di consueto - per diventare sacerdote? Dove si vendono le entrate? Non si vendono perché l'iniziativa la prende il Signore". "Forse - ha poi detto rivolgendosi ai giovani presenti in piazza - ci sono alcuni giovani qui che hanno sentito questa chiamata. Se alcuni hanno sentito nel cuore questo, è Gesù che l'ha messo lì".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata