Vaticano, Papa: Ancora oggi si uccidono cristiani in nome di Dio

Città del Vaticano, 11 mag. (LaPresse)- Ancora oggi si uccidono cristiani in nome di Dio, ma lo Spirito Santo dà la forza di testimoniare fino al martirio: è quanto ha detto Papa Francesco nella Messa del mattino a Casa Santa Marta secondo quanto riportato da Radio Vaticana. Nel Vangelo del giorno, Gesù annuncia ai discepoli lo Spirito Santo: "Io ho tante cose da dirvi, ma in questo momento voi non siete capaci di portarne il peso; ma quando verrà il Paraclito, lo Spirito di verità, Egli vi guiderà a tutta la verità". Il Signore "parla del futuro, della croce che ci aspetta e ci parla dello Spirito, che ci prepara a dare la testimonianza cristiana".

Quindi parla "dello scandalo delle persecuzioni", lo "scandalo della Croce". "La vita della Chiesa - osserva il Papa - è un cammino guidato dallo Spirito" che ci ricorda le parole di Gesù e "ci insegna le cose che ancora Gesù non ha potuto dirci": "è compagno di cammino" e "ci difende anche" dallo "scandalo della Croce".

"Oggi - continua il Papa- siamo testimoni di questi che uccidono i cristiani in nome di Dio, perché sono miscredenti, secondo loro. Questa è la Croce di Cristo: 'Faranno ciò, perché non hanno conosciuto né il Padre né me'. 'Questo che è accaduto a me - dice Gesù - accadrà anche a voi - le persecuzioni, le tribolazioni - ma per favore non scandalizzatevi; sarà lo Spirito a guidarci e a farci capire'". "Ma c'è anche la testimonianza di ogni giorno - ha proseguito - la testimonianza di rendere presente la fecondità della Pasqua" che "ci dà lo Spirito Santo, che ci guida verso la verità piena, la verità intera, e ci fa ricordare questo che Gesù ci dice"

"Un cristiano - conclude il Papa- che non prende sul serio questa dimensione 'martiriale' della vita non ha capito ancora la strada che Gesù ci ha insegnato: strada 'martiriale' di ogni giorno; strada 'martiriale' nel difendere i diritti delle persone; strada 'martiriale' nel difendere i figli: papà, mamma che difendono la loro famiglia; strada 'martiriale' di tanti, tanti ammalati che soffrono per amore di Gesù. Tutti noi abbiamo la possibilità di portare avanti questa fecondità pasquale su questa strada 'martiriale', senza scandalizzarci".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata