Vaticano, Paolo VI e Romero santi: concistoro il 19 maggio
La data della canonizzazione potrebbe essere il 14, il 21 o il 28 ottobre per Montini

Papa Paolo VI e il vescovo martire Oscar Romero saranno santi. La notizia della promulgazione del decreto è del 7 marzo. Ora si conosce il giorno del Concistoro, il 19 maggio prossimo, quando Papa Francesco annuncerà la data della canonizzazione che potrebbe essere il 14, il 21 o il 28 ottobre per Montini. Mentre per il vescovo Romero potrebbe cadere durante la Giornata mondiale della gioventù di Panama, a gennaio 2019.

Il Pontefice grande timoniere del Concilio Vaticano II e il sacerdote trucidato dagli squadroni della morte mentre celebrava la messa a causa delle denunce delle violenze della dittatura militare salvadoregna, si legano, sotto il pontificato di Francesco. "Il martirio di monsignor Romero non fu solo nel momento della sua morte, ma iniziò con le sofferenze per le persecuzioni precedenti alla sua morte e continuò anche posteriormente, perché non bastava che fosse morto: fu diffamato, calunniato, infangato. Il suo martirio continuò anche per mano dei suoi fratelli nel sacerdozio e nell'episcopato", disse Papa Francesco concludendo, a braccio, il discorso ai partecipanti al pellegrinaggio da El Salvador, in Vaticano a ottobre del 2015: "lapidato con la con la pietra più dura che esiste nel mondo: la lingua". Paolo VI non fu un Pontefice qualunque: fu il Papa della Chiesa "samaritana", "ancella dell'umanità", che tanto ricorda la "Chiesa in uscita" di Bergoglio. "Nei confronti di questo grande Papa - disse Bergoglio proclamandolo Beato - di questo coraggioso cristiano, di questo instancabile apostolo, davanti a Dio non possiamo che dire una parola tanto semplice quanto sincera ed importante: grazie!" e ricordò le parole scritte da Montini in alcune annotazioni personali, dopo la chiusura del Concilio: "Forse il Signore mi ha chiamato e mi tiene a questo servizio non tanto perché io vi abbia qualche attitudine, o affinché io governi e salvi la Chiesa dalle sue presenti difficoltà, ma perché io soffra qualche cosa per la Chiesa, e sia chiaro che Egli, e non altri, la guida e la salva".

La Consulta medica della Congregazione delle cause dei santi ha votato all'unanimità il 26 ottobre scorso il caso di una gravidanza ad alto rischio andata a buon fine attribuito all'intercessione di papa Montini e la guarigione miracolosa di una donna che lottava tra la vita e la morte dopo un parto attribuita all'intercessione del martire Romero.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata