Vaticano, direttore Ior Cipriani e vice Tulli si sono dimessi

Roma, 1 lug. (LaPresse/AP) - Il direttore generale dell'Istituto per le Opere di Religione (Ior), Paolo Cipriani, e il suo vice, Massimo Tulli, si sono dimessi. Lo fa sapere il Vaticano, spiegando che hanno presentato le dimissioni "nel miglior interesse dell'istituto e della Santa sede". Il consiglio di sovrintendenza e la commissione dei cardinali, spiega la Sala stampa vaticana, hanno accettato le loro dimissioni e hanno chiesto al presidente dello Ior Ernst von Freyberg di assumere ad interim le funzioni di direttore generale con effetto immediato. "Dopo molti anni di servizio - spiega in una nota la Sala stampa vaticana - ambedue hanno deciso che questo atto sarebbe stato nel migliore interesse dell'Istituto stesso e della Santa Sede". L'Autorità di Informazione Finanziaria - prosegue la nota - è stata informata. La Commissione speciale nominata il 26 giugno scorso ha preso atto di questa decisione. Ernst von Freyberg sarà coadiuvato da Rolando Marranci in qualità di Vice-Direttore e da Antonio Montaresi nella nuova posizione di Chief Risk Officer con la responsabilità di compliance e progetti speciali. Rolando Marranci è stato Chief Operating Officer presso una nota banca italiana a Londra. Antonio Montaresi ha operato come Chief Risk Officer e Chief Compliance Officer presso varie banche negli Stati Uniti.

"A nome del Consiglio di Sovrintendenza ringrazio il Sig. Cipriani e il Sig. Tulli per la dedizione personale manifestata nel corso degli anni", ha dichiarato il Presidente Ernst von Freyberg. "Sono lieto della nomina di Rolando Marranci e Antonio Montaresi in quanto eccellenti professionisti", ha aggiunto. "Dal 2010 lo IOR e la sua Direzione hanno lavorato seriamente per portare le strutture e i procedimenti in linea con gli standard internazionali di lotta al riciclaggio di denaro. Sebbene siamo grati per i risultati conseguiti, oggi è chiaro che abbiamo bisogno di una nuova direzione per accelerare il ritmo di questo processo di trasformazione. I progressi fatti sono in gran parte dovuti al sostegno continuo degli organismi di governo dell'Istituto e del suo personale". Il Consiglio di Sovrintendenza ha avviato un procedimento di selezione al fine di nominare un nuovo Direttore Generale e un Vice Direttore nel prossimo futuro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata